Mamma e figli di Erba picchiati da una gang a Bellaria: interrogazione parlamentare

Zoffili (Lega): "Una brutta storia, su cui presenterò un'interrogazione al ministro dell'Interno Salvini"

La notte del 16 agosto una madre e i suoi due figli, residenti a Erba, sono stati aggrediti da una banda di balordi mentre si trovavano a Bellaria, sulla Riviera Romagnola. Naso rotto per uno dei due figli, varie contusioni per la madre e l'altro figlio. Tutto è nato dalla richiesta di una sigaretta che il gruppo di balordi ha chiesto ai due ragazzi. Quando hanno risposto "ci spiace non fumiamo" si è scatenata la furia del branco. Quando la mamma è intervenuta ha rimediato anche lei qualche botta.

Sul fatto è intervenuto il parlamentare erbese Eugenio Zoffili: “Una brutta storia, su cui presenterò un'interrogazione parlamentare al ministro dell'Interno Matteo Salvini. Un espisodio grave che ha visto vittime innocenti una mamma con i suoi due figli in quella che sarebbe dovuta essere una tranquilla serata d'agosto in vacanza. Esprimo la mia massima solidarietà alla famiglia di Erba accerchiata e aggredita per una sigaretta non data da un gruppo di dieci balordi, descritti come albanesi. Via dall'italia e galera per questi criminali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, oltre 200 contagi: in Lombardia sono 173.

  • Coronavirus, ancora in prognosi riservata il paziente trasferito al Sant'Anna dal Lodigiano

  • Coronavirus, scuole chiuse e vietate le visite ai parenti in ospedale

  • Fobia coronavirus, a Mariano Comense prendono a sassate un anziano cinese: interviene Dj Francesco

  • Coronavirus, proposta shock in Ticino: chiudere accesso ai frontalieri

  • Coronavirus, morto il paziente ricoverato all'ospedale Sant'Anna

Torna su
QuiComo è in caricamento