Ladri come furie a Cavallasca: le rompono il respiratore polmonare, le uccidono gli uccellini e le avvelenano il gatto

La donna ha trovato la casa a soqquadro con numerosi danni

Il respiratore danneggiato dai ladri

Chissà, forse credevano che la donna fosse stata così ingegnosa e furba da avere trovato un insolito e insospettabile nascondiglio per i suoi preziosi. Forse credendo questo hanno pensato di spaccare il respiratore polmonare che la donna, residente in via Carbonera a San Fermo della Battaglia (frazione di Cavallasca) aveva lasciato a casa prima di uscire. 
I ladri sono entrati in casa della donna all'ora di pranzo il 10 gennaio 2019. Patrizia Renzi era da poco uscita per andare a lavorare; svolge il servizio di assistenza sul bus scolastico del paese. Mentre era in servizio ha ricevuto la telefonata di una vicina di casa che l'ha avisata che forse qualcuno era entrato in casa sua. Al ritorno a casa la sconcertante e dolorosa scoperta.

I ladri sono entrati nell'abitazione di Patrizia ma non si sono limitati ad arraffare il bottino. Anzi, non hanno rubato praticamente nulla ma hanno messo a soqquadro la casa e hanno bucato il muro in cerca di una inesistente cassaforte. Ma la cosa sconcertante è che hanno ucciso gli uccellini che la donna aveva in una gabbietta fuori dalla porta. "Erano calopsiti - spiega Patrizia - uccellini molto belli ma anche molto rumorosi. Forse per questo, mi ha spiegato il veterinario, potrebbero avere spruzzato su di loro un gas per farli addormentare. Ma li hanno uccisi".

Lo stesso gas i ladri lo avrebbero usato anche sul gatto della donna, un maine coon di 17 chili: "E' un gatto grosso e un po' aggressivo, forse si sono spaventati e hanno spuzzato il gas anche contro di lui. Anche in questo caso hanno esagerato, infatti il vetereniario mi ha detto che non è sicuro che sopravviverà".

Oltre al dolore per la perdita degli uccellini e per le condizioni del gatto Patrizia deve fare i conti anche con le ripercussioni sulla sua salute. Infatti, il respiratore bi-pap è un cosiddetto macchinario salvavita, davvero prezioso per Patrizia che se ne serve soprattutto durante la notte: "Spero solo che l'Asl non ci metta troppo tempo a farmene avere un altro". 
Nel frattempo indagano i carabinieri della compagnia di Como ai quali Patrizia ha sporto denuncia.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Editoriale

    Paratie: la sinistra (smarrita) abbraccia Lucini dopo la condanna di primo grado

  • Trasporto ferroviario

    Treno merci esce dai binari a Carimate: ritardi e cancellazioni, mattinata di passione per i pendolari Trenord

  • Scuola

    Gran premio di matematica, tre scuole comasche in gara

  • Albate

    Incidente a Como, donna investita ad Albate

I più letti della settimana

  • Ladri come furie a Cavallasca: le rompono il respiratore polmonare, le uccidono gli uccellini e le avvelenano il gatto

  • Escort a Como: chi, quante e dove sono

  • Tassista di Carugo ucciso mentre soccorre i feriti sulla Milano-Meda: preso il pirata della strada

  • Tassista di Carugo travolto e ucciso da un'auto sulla Milano-Meda: stava aiutando dei feriti dopo un incidente

  • Eugenio Fumagalli di Carugo, il tassista travolto e ucciso mentre aiutava i feriti sulla Milano-Meda

  • Como, truffa all'esame della patente: il bottone era una microcamera

Torna su
QuiComo è in caricamento