Incidente in montagna: escursionista soccorso sul monte Generoso

Si tratta di un 38enne di Cerano ricoverato all’ospedale di Varese

Immagini di repertorio

E' caduto in una scarpata sul monte Generoso per oltre 200 metri riportando ferite molto gravi. Protagonista un escursionista di 38 anni residente a Cerano Intelvi, ricoverato all'ospedale di circolo di Varese. L'episodio è accaduto nel pomeriggio di domenica 17 dicembre 2017 in territorio di San Fedele Intelvi. Secondo le prime ricostruzioni l'uomo sarebbe scivolato durante un'escursione a un'altezza di circa 1.700 metri mentre percorreva il sentiero, forse reso viscido dal ghiaccio e dalla neve. 
L'allarme è stato dato dai familiari dell'uomo che non lo hanno visto rientrare all'ora di pranzo e non sono riusciti a contattarlo. 
Le ricerche sono state condotte dagli uomini del Soccorso Alpino e Speleologico e dall'elicottero del 118. Il 38enne è stato individuato dai soccorritori che sono riusciti a recuperarlo e trasportarlo all'ospedale di Varese dove è ricoverato in prognosi riservata.
Il soccorso alpino era intervenuto lo scorso mese di settembre per soccorrere un cercatore di funghi originiario di Ponte Lambro scivolato sui monti del Lecchese: l'uomo era stato trovato senza vita in un dirupo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autocertificazione per chi si sposta: il modulo aggiornato (il quarto)

  • Dall'ospedale Spata scrive una durissima lettera a Gallera: "I medici non sono stati coivolti nelle decisioni"

  • Regole più severe per tutta la Lombardia: c'è anche il divieto di sport all'aperto

  • Il questore di Como chiarisce i casi in cui per la spesa e i farmaci si può uscire dal proprio comune

  • Como, supermercati e farmacie: ora possibile misurare la febbre a chi entra

  • Il grido d'aiuto degli infermieri di Como: "Siamo pochi e ci stiamo ammalando"

Torna su
QuiComo è in caricamento