Festa della Polizia 2019, a Como reati in calo ma aumentano arresti ed espulsioni

I dati diffusi dal Questore De Angelis nel 167° anniversario della Polizia di Stato

Il Questore di Como Giuseppe De Angelis

Reati in calo ma senso di insicurezza sempre forte tra i cittadini: è l'analisi della situazione sicurezza a Como e provincia fatta dal Questore Giuseppe De Angelis durante le celebrazioni del 167° anniversario della fondazione della Polizia di Stato, che si sono svolte mercoledì 10 aprile 2019 al Teatro Sociale e che hanno visto anche la premiazione degli agenti che si sono distinti per il loro lavoro.

"Esserci sempre", questo il tema celebrativo della commemorazione, iniziata nell'atrio della Questura con la deposizione di una corona d’alloro ai Caduti della Polizia di Stato alla presenza del Prefetto Ignazio Coccia. La celebrazione è poi proseguita al Teatro Sociale, dove, alla presenza delle massime autorità provinciali e locali, sono stati letti i messaggi delle autorità: quelli del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, del Ministro dell'Interno Matteo Salvini e del Capo della Polizia Franco Gabrielli.

Poi è stata la volta dell'intervento del Questore di Como De Angelis che ha reso noti i dati sull'attività della polizia negli ultimi 12 mesi.

I reati a Como e provincia

Il primo dato che salta all'occhio è il calo dei reati che nel primo trimestre 2018 erano 4.193 scesi a 3.425 nel primo trimestre 2019.

In discesa anche i furti in abitazione denunciati tra 2018 e 2019: dai 218, 336 e 323 rispettivamente nei mesi di ottobre, novembre e dicembre si è scesi a gennaio, febbraio e marco a 224, 190 e 121.

Complessivamente le persone identificate sono state 46.808, i veicoli controllati 50.468, le persone indagate in stato di libertà 2.016, le persone arrestate 197, la droga sequestrata pari a 3,75567 chili e 45 le armi sequestrate.

I dati fanno il confronto tra la situazione nell'anno che va dal 1° aprile 2017 al 1° aprile 2018 e quella tra il 1° aprile 2018 e il 1° aprile 2019.

Le persone identificate sono passate da 24.043 a 26.627, i veicoli controllati da 28.622 a 40.369.

Diminuiscono le persone indagate in stato di libertà (861 contro 764) ma aumentano le persone arrestate (145 anzichè 135 dello stesso periodo dell'anno precedente). La droga sequestrata è passata da 8,181 a 3,306 chili. La armi sequestrate da 95 a 44.

Per quanto riguarda l'attività della divisione di polizia amministrativa e sociale, i passaporti rilasciati sono aumentati da 19.442 a 23.218.

In aumento anche le chiamate al numero unico di emergenza 112, salite da 9.947 a 11.054.

Ufficio immigrazione

I permessi di soggiorno rilasciati e rinnovati sono aumentati da 16.234 a 16.758, i ricongiungimenti familiari scesi da 770 a 737. In calo anche le richieste di asilo politico, passate da 945 a 707.
Aumentano, invece, le espulsioni che nel perido in questione 2017-2018 erano 499 salite invece tra 2018-2019 a 532. Gli allontanamenti di cittadini dell'Unione Europea sono passati da 25 a 46 e i rimpatri volontari assistiti da 29 a 38.

Attività della polizia stradale

Intensa anche l'attività della Stradale: le pattuglie sono passate da 2.590 a 2.506, le persone identificate da 9.319 a 8.870, i veicoli controllati da 7.688 a 7.308 e quelli sequestrati da 340 a 604.
In netto calo gli arrestati, da 22 a 4.
8.288 le infrazioni accertate tra 2018-2019 contro le 7.061 dello stesso periodo dell'anno precedente. Le patenti ritirate o sospese sono state 517 contro le 463 dell'anno passato, sostanzialmente stabili gli incidenti rilevati: 189 contro 186.

Polizia di frontiera sezione di Ponte Chiasso

Spiccano le riammissioni, da 12 a 22 quelle attive e da 10.446 a 3.784 quelle passive e le persone identificate calate da 17.972 a 9.898.

L'analisi del Questore di Como

"A dispetto delle statistiche che registrano nell’ultimo decennio, anche a livello nazionale - ha detto De Angelis- un più basso tasso di reati, molti cittadini hanno la percezione, magari in base a pregiudizi o a una scarsa informazione critica, di vivere in un contesto sociale aggressivo e insicuro. Ho l’impressione che la sicurezza oramai sia misurata solamente con criteri della prossimità e controllo del territorio. Un gap, quello tra realtà e percezione, determinato però non solo dalle ben giustificate e legittime preoccupazioni dei cittadini, ma anche dall’illusione di un’utopistica sicurezza assoluta della realtà a reati zero.

Forse proprio per questo - ha proseguito il Questore- la forbice tra sicurezza statisticamente rilevata e percepita a volte è fin troppa aperta, perché sconta l’influenza di altri fattori. Tuttavia il nostro obiettivo, la sfida che sentiamo di accettare, rimane quella di misurare il quantum di sicurezza erogata non solamente osservando l’andamento degli indici della delittuosità, ma tenendo conto altresì del livello di percezione avvertito sia dai singoli che dalla collettività".

Al termine della cerimonia, la premiazione dei Poliziotti che si sono particolarmente distinti nell’espletamento dell’attività istituzionale. Infine il concerto del Coro Lirico dell'associazione CALAUCE di Calolzio Corte diretto dal Maestro Massimiliano Di Fino.

Potrebbe interessarti

  • Lago di Como esondato in piazza Cavour, lungolago chiuso: i percorsi alternativi

  • È vero che i farmaci generici sono uguali a quelli di marca?

  • Sciopero trasporti a Como: giovedì 13 giugno a rischio treni Trenord, bus Asf e funicolare

  • Como, lungolago chiuso per esondazione: caos traffico in città

I più letti della settimana

  • Omicidio a Veniano, ragazzo accoltellato dopo una lite durante la festa di paese

  • Picchia a sangue con un bastone e violenta la moglie incinta: uomo arrestato a Como

  • Jennifer Aniston: "Il Lago di Como è bellissimo"

  • Esondazione del lago di Como, la mega gallery con tutte le vostre foto

  • Hans Junior Krupe, il ragazzo ucciso a Veniano

  • Como, paura al passaggio a livello: auto intrappolata tra le sbarre

Torna su
QuiComo è in caricamento