Como, avevano chiesto protezione internazionale ma spacciavano ai giardini: espulsi dall'Italia

L'onorevole Molteni plaude al decreto Salvini: "Avevamo promesso espulsioni rapide, lo stiamo facendo"

Erano stati arrestati per spaccio di droga in un parco pubblico lo scorso 28 novembre a Como: si tratta di tre cittadini migranti provenienti dal Gambia. Due di loro sono finiti nel Centro di permanenza per i rimpatri di Bari e verranno espulsi. Stesso provvedimento è toccato a un nigeriano arrestato a Como e portato in un altro Cpr pochi giorni fa.

Dei tre gambiani, uno aveva la protezione umanitaria (poi revocata dalla questura di Como) e gli altri due avevano chiesto la protezione internazionale ottenendo risposta negativa.

Il pèarlamentare della Lega Nicola Molteni plaude ai provvedimenti di espulsione che sono stati adottati: “Grazie alle forze dell’ordine  e al decreto Salvini queste persone verranno espulse. Avevamo promesso espulsioni rapide per i delinquenti: lo stiamo facendo. Dalle parole ai fatti”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Editoriale

    Paratie: la sinistra (smarrita) abbraccia Lucini dopo la condanna di primo grado

  • Trasporto ferroviario

    Treno merci esce dai binari a Carimate: ritardi e cancellazioni, mattinata di passione per i pendolari Trenord

  • Scuola

    Gran premio di matematica, tre scuole comasche in gara

  • Albate

    Incidente a Como, donna investita ad Albate

I più letti della settimana

  • Ladri come furie a Cavallasca: le rompono il respiratore polmonare, le uccidono gli uccellini e le avvelenano il gatto

  • Escort a Como: chi, quante e dove sono

  • Tassista di Carugo ucciso mentre soccorre i feriti sulla Milano-Meda: preso il pirata della strada

  • Tassista di Carugo travolto e ucciso da un'auto sulla Milano-Meda: stava aiutando dei feriti dopo un incidente

  • Eugenio Fumagalli di Carugo, il tassista travolto e ucciso mentre aiutava i feriti sulla Milano-Meda

  • Como, truffa all'esame della patente: il bottone era una microcamera

Torna su
QuiComo è in caricamento