Turate, un encomio ai due marocchini che hanno salvato dalla rapina il farmacista

Anas Loukili e Andnan El Aouni saranno ricevuti in consiglio comunale

Un encomio o addirittura la civica benemerenza per Anas Loukili e Andnan El Aouni, i due giovani marocchini - 25 e 23 anni - che l'8 novembre 2018 hanno salvato da una rapina il farmacista della farmacia comunale di Turate mentre stava versando l'incasso della giornata alla cassa continua della Banca popolare di Sondrio, tra via Volta e via Vittorio Emanuele.

Il sindaco Alberto Oleari ha fatto sapere che "l'amministrazione comunale intende ringraziare questi due ragazzi per il coraggio e per il senso civico dimostrato, stiamo valutando le modalità. Vorremmo invitarli al sprossimo consiglio comunale dove riceveranno un encomio o la civica benemerenza".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I due ragazzi nei giorni seguenti alla rapina che hanno sventato hanno rilasciato alcune dichiarazioni spiegando che "i marocchini sono per la maggior parte persone oneste, non delinquenti". Ma un conto è essere onesti, un altro paio di maniche è essere coraggiosi e intervenire quando un'altra persona è in pericolo. Tanto più se si tratta di una rapina a mano armata. Infatti, quella sera il rapinatore, un 44enne italiano di Turate, impugnava una pistola. I due ragazzi lo hanno disarmato e immobilizzato e grazie al loro intervento il malvivente è stato arrestato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, drogava una bimba, abusava di lei e poi vendeva i video: arrestato

  • Como, aliante caduto a Tavernola

  • Il primario del Sant'Anna: "Mascherine, distanziamento sociale e lavaggio quasi ossessivo delle mani"

  • Doccia fredda per turismo e commercio a Como: la frontiera con il Ticino non riprirà il 3 giugno

  • Cantù, minaccia di morte e perseguita per mesi l'ex socio: denunciato

  • Spostamenti tra le Regioni, la decisione sarà presa in base ai dati (e probabilmente con poco preavviso)

Torna su
QuiComo è in caricamento