Vento forte, i danni a Como e provincia

Numerosi interventi dei vigili del fuoco per alberi caduti e persiane pericolanti

Albero caduto in via D'Annunzio a Como (foto di un lettore)

Raffiche di vento fino a 35km all'ora stanno spazzando Como e provincia nella giornata di lunedì 11 febbraio 2019: come previsto dall'allerta meteo diramata dalla protezione civile regionale, il vento si sta facendo sentire. Numerosi gli interventi dei vigili del fuoco di Como che nelle prime ore del pomeriggio avevano tutte le squadre impegnate: niente di grave, fortunatamente, ma sono state tante le chiamate al centralino soprattutto per piante e alberi abbattuti dal vento, rami spezzati finiti in strada e persiane pericolanti o tapparelle divelte. 
La maggior parte degli interventi hanno riguardato i comuni della cintura, come Lipomo, e i quartieri periferici di Como, come Monte Olimpino e Breccia: proprio qui, in via D'Annunzio, la traffica arteria che porta dalla Varesina a San Fermo, una pianta spezzata dal vento è finita sulla carreggiata (come si vede nella foto inviata da un nostro lettore che spiega di aver già segnalato in Comune la necessità di tagliare le piante in quel tratto di strada), fortunatamente senza colpire nessuna auto. Un incidente, potenzialmente grave, sfiorato.

Per quanto riguarda le raffiche, la punta massima è stata toccata ad Alzate Brianza dove alle 14.48 la centralina del Centro Meteo Lombardo ha registrato 35,4 km/h. In città il "record" spetta all'Aero Club dove le raffiche hanno raggiunto punte di 27,4 km/h.
Punte tra i 25 e i 30 km/h anche a Villaguardia, Casnate, nell'Olgiatese e in alcuni paesi del Lago.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, un caso anche a Lecco: non è grave

  • Coronavirus, tre famiglie isolate nel comasco: misura precauzionale

  • Fobia coronavirus, a Mariano Comense prendono a sassate un anziano cinese: interviene Dj Francesco

  • Coronavirus, ancora in prognosi riservata il paziente trasferito al Sant'Anna dal Lodigiano

  • Coronavirus, scuole chiuse e vietate le visite ai parenti in ospedale

  • Coronavirus, proposta shock in Ticino: chiudere accesso ai frontalieri

Torna su
QuiComo è in caricamento