Spaccio e furti in casa, settimana di controlli in provincia di Como: espulsi 10 stranieri

Azioni mirate soprattutto nel Canturino, Erbese e Olgiatese decise dal Prefetto con tutte le Forze di Polizia: i risultati

Repertorio

Sono iniziati lunedì 12 novembre 2018 i controlli straordinari decisi dal Prefetto di Como durante la Riunione Tecnica di Coordinamento dell’attività dei Responsabili Provinciali delle Forze di Polizia tenutasi il 9 novembre scorso.

Misure adottate per rendere sempre più incisiva l’azione di prevenzione e contrasto dei principali fenomeni criminosi, con particolare riferimento allo spaccio di sostanze stupefacenti, ai reati predatori ed ai furti in abitazione.

Le misure disposte dalla Prefettura

Il Prefetto, Ignazio Coccia, ha incaricato il Questore della programmazione di tale attività straordinaria che avrà cadenza settimanale e fa seguito ad una un’accurata ricognizione effettuata dalle Forze dell’Ordine, anche mediante una attenta analisi statistica dei reati di interesse, volta ad individuare le zone ove indirizzare la predetta attività di polizia, suddivise in macroaree.

Tale controllo straordinario del territorio sarà effettuato in collaborazione con tutte le Forze di Polizia, anche mediante l’impiego delle ulteriori unità di rinforzo del Reparto Prevenzione Crimine Lombardia della Polizia di Stato e della compagnia di Intervento Operativo Lombardia dell’Arma dei Carabinieri - recentemente assegnate alla Provincia di Como a seguito di specifica richiesta del Prefetto - e del Reparto Pronto Impiego ed Antiterrorismo della Guardia di Finanza di Como, unitamente alle sue unità cinofile.

I controlli dal 12 al 16 novembre

I servizi effettuati nella settimana sopra citata hanno riguardato in particolare il fenomeno della prostituzione e il controllo di cittadini stranieri irregolari sul territorio, ed è stata, pertanto, assicurata la presenza in ufficio, anche sui turni serali, di personale dell’ufficio immigrazione della locale Questura. Intervenuto anche personale della Polizia Stradale e delle Polizie Locali interessate.

L'attività straordinaria ha interessato in particolare i territori delle zone di Erba, Cantù e Olgiate, tra cui i comuni di Erba, Pusiano, Eupilio, Tavernerio, Lipomo, Capiago Intimiano, Locate Varesino, Carbonate, Mozzate, Turate, Rovellasca, Rovello Porro, Orsenigo, Alzano del Parco, Monguzzo, Lambrugo, Colverde, Faloppio, Ronago, Uggiate Trevano, Olgiate Comasco, Solbiate e Valmorea.

Nei giorni interessati dall'operazione, sono state operative 44 pattuglie per un totale di 108 operatori.
Effettuati 33 posti di controlli e controllati 1.406 veicoli, di cui 954 con l’ausilio di strumenti tecnologici (Sistema Mercurio), uno sottoposto a sequestro o fermo amministrativo.
12 le multe elevate per infrazioni al codice della strada e ritirate 2 patenti. Identificate 754 persone, di cui 113 extracomunitari.
10 complessivamente i provvedimenti di espulsione adottati.

Due persone sono state segnalate per illeciti amministrativi in materia di sostanze stupefacenti e contestualmente si è proceduto al rinvenimento e sequestro di modiche quantità di sostanze stupefacenti. Sono stati controllati, infine, 8 esercizi pubblici, identificando al contempo gli avventori.

Potrebbe interessarti

  • Como, i geni della segnaletica: strisce da rifare dopo due giorni

  • La Valle Intelvi cerca un medico: vitto e alloggio gratis

  • Como, sciopero funicolare e treni Trenord: i giorni e gli orari, tutte le informazioni

  • Troppe biciclette a bordo: un esercito di riders blocca il treno da Milano a Como

I più letti della settimana

  • Cermenate, si spara davanti al bar: morto 32enne

  • Como, i geni della segnaletica: strisce da rifare dopo due giorni

  • Dramma a Montano Lucino: 37enne trovato morto nel parcheggio del cinema

  • I 10 eventi da non perdere in questo weekend a Como e al lago

  • Scoppia il serbatoio di Gpl, un morto a Gravedona

  • Mauro Pigazzini di Garlate, l'uomo morto nell'esplosione del serbatoio di Gpl a Gravedona

Torna su
QuiComo è in caricamento