Arrestato pedofilo: molestava la figlia degli amici

Si tratta di un 50enne residente a Brescia

Immagini di repertorio

Sorpreso in atteggiamenti "sospetti" nei confronti della figlia di una coppia di amici,una bambina di appena 4 anni e trovato in possesso di immagini pedo-pornografiche. Per questo un uomo di 50 anni, nato a Rovato e residente a Brescia, è stato arrestato martedì 30 gennaio 2018 dalla polizia lariana. Ora è rinchiuso nel carcere del Bassone, indagato per aver compiuto atti sessuali ai danni di una minore.
Solo di una settimana prima la notizia di un altro pedofilo arrestato a Como, un uomo che abusava della nipote della vicina di casa, cui faceva da baby sitter.

L'indagine

Le indagini della polizia hanno avuto inizio nell’ottobre 2017, quando i genitori di una bimba di 4 anni si sono presentati presso gli uffici della Squadra Mobile perchè preoccupati per la propria figlia. I due hanno raccontato che da tempo frequentavano una coppia di amici, conosciuta ai tempi dell’università, con la quale trascorrevano spesso i fine settimana, avendo entrambi bambine della stessa età.
Weekend in compagnia che invece nascondevano uno squallido risvolto: in queste occasioni, infatti, avevano notato che l’amico manifestava attenzioni “particolari” nei confronti della bambina. Questo soprattutto nell’ultimo incontro, durante il quale l'amico più volte era stato sorpreso in atteggiamenti sospetti.
La coppia ha quindi deciso di chiedere direttamente alla figlia di quattro anni: la piccola ha riferito che l’uomo era stato molto gentile con lei e che l’aveva riempita di carezze, riferendosi in particolare alle parti intime. A quel punto sono scattate le indagini.

La perquisizione in casa

Fatti i primi accertamenti e raccolte alcune testimonianze che fornivano conferme, il pubblico ministero titolare delle indagini ha emesso un decreto di perquisizione nei confronti dell’indagato.
Nell'abitazione del 50enne sono stati sequestrati diversi dispositivi elettronici: in particolare nel telefono cellulare dell'uomo sono state trovate immagini di carattere pedo-pornografico, nelle quali è raffigurata una bambina di non più di otto/dieci anni di età fotografata durante il sonno.

L'arresto

Le prove raccolte e il concreto pericolo di reiterazione del reato hanno spinto le autorità a decidere per la misura cautelare della custodia in carcere. Il 50enne è stato portato al carcere Bassone di Como dove si trova a disposizione dell’autorità giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus cinese, ecco le indicazioni del Ministero della Salute

  • I 10 migliori eventi del weekend a Como e dintorni

  • Parchi al posto delle dogane e un laghetto a Monte Olimpino: è il progetto svizzero che piace agli italiani

  • Bollo auto, sconti e nuova modalità di pagamento: cosa cambia nel 2020

  • Como, i furbetti del sacco rosso

  • Provano a imitare il nostro lago: ecco la rivista americana che propone mete "che sembrano il Lario"

Torna su
QuiComo è in caricamento