Sabato notte comasco: tra incidenti, risse e giovani ubriachi all'ospedale

Una lite in centro città e uno scontro tra auto a Cadorago

Nottata movimentata per gli uomini del 118 e per le forze dell'ordine in servizio nella notte tra sabato 14 e domenica 15 ottobre 2017. Era passata da poco mezzanotte quando un'ambulanza è dovuta accorrere in via Como a Erba. Una ragazza di 19 anni stava male. Causa? L'abuso di alcol. La giovane è stata soccorsa nei pressi di un locale pubblico ed è stata trasportata al pronto soccorso dell'ospedale di Erba.

Poco prima dell'una, invece, è scoppiata una rissa in centro città a Como. Per la precisione le volanti della questura e un'ambulanza della Croce Rossa di Como sono dovute intervenire in via Anzani per sedare una rissa scoppiata tra persone e prestare soccorso a una di queste rimasta leggermente ferita e confusa: si tratta di una donna di 40 anni che è stata trasportataall'ospedale di San Fermo della Battaglia per accertamenti. Gli agenti delle volanti della polizia di Stato della questura di Como valutano l'opportunità di procedere con eventuali denunce.

Intorno alle ore 2 un nuovo caso di malore dovuto all'assunzione di eccessive quantità di alcolici. A Tavernerio, sulla via Provinciale, un ragazzo di 18 anni è stato soccorso. Era ubriaco "fradicio". E' stato portato al pronto soccorso dell'ospedale Valduce.

Infine, poteva essere ben più grave il bilancio dell'incidente avvenuto a Cadorago poco prima delle ore 4 a Cadorago, in via Roma. Due auto si sono scontrate. Coinvolti e soccorsi tutti gli occupanti. Si tratta di quattro ragazzi: uno ha 26 anni, due ne hanno 29, l'altro ne ha 34. Nessuno ha riportato ferite gravi. Se la caveranno con qualche giorno prognosi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tre famiglie isolate nel comasco: misura precauzionale

  • Fobia coronavirus, a Mariano Comense prendono a sassate un anziano cinese: interviene Dj Francesco

  • Coronavirus, ancora in prognosi riservata il paziente trasferito al Sant'Anna dal Lodigiano

  • Coronavirus, scuole chiuse e vietate le visite ai parenti in ospedale

  • Coronavirus, proposta shock in Ticino: chiudere accesso ai frontalieri

  • Coronavirus, morto il paziente ricoverato all'ospedale Sant'Anna

Torna su
QuiComo è in caricamento