Comasco arrestato a Vicenza rifiuta estradizione in Svizzera

Secondo gli inquirenti avrebbe rapinato tre cassette di sicurezza in Canton Ticino

Secondo quanto riporta oggi TicinoNews, un 61 italiano residente a Como, arrestato nelle scorse settimane a Vicenza con l'accusa di avere rapinato il 29 ottobre tre cassette di sicurezza all'interno di un ufficio di cambi a Castagnola, in Canton Ticino, avrebbe rifiutato l'estradizione chiesta dalle autorità svizzere. 

Di fronte a tale richiesta, posta da un giudice della Corte d'Appello vicentina per accorciare i tempi del procedimento, l'indagato non avrebbe infatti dato il suo consenso. Mentre la vicenda giudiziaria è quindi destinata ad andare per le lunghe, restano da chiarire alcuni aspetti non secondari. Al momento gli investigatori non escludono l'ipotresi di un furto su commissione, alla luce del fatto che, su 80 cassette di sicurezza, io rapinatore ne ha svaligiate soltante tre. 

Potrebbe interessarti

  • All'ospedale Sant'Anna impiantati i primi pacemaker senza fili

  • Como, in arrivo gli autovelox fissi in via Napoleona contro gli incidenti

  • Super pista ciclabile attraverso Como: lavori al via entro fine anno

  • Como, la rotatoria di piazza San Rocco sarà realtà entro settembre

I più letti della settimana

  • Incidente a Grandate, auto ribaltata alla rotonda dell'Iper: due donne ferite e caos traffico

  • Il Lago di Como e la grande bruttezza di Murder Mystery

  • La marcia della pace di Jacopo finisce in tribunale

  • Lago di Como, in agosto arriva il Floating Moving Concerts

  • Omicidio di Veniano, l’aggressore di Hans disperato in carcere confessa: la lite, poi le coltellate

  • I funerali di Hans Junior Krupe: il doloroso addio al ragazzo ucciso a Veniano

Torna su
QuiComo è in caricamento