Carabinieri aggrediti a calci e pugni: ubriaco arrestato alla stazione di Mozzate

In manette un 35enne marocchino

Carabinieri alla stazione di Mozzate

Ubriaco, si è scagliato contro i carabinieri intervenuti per un controllo aggredendoli con calci e pugni. E' successo alla stazione di Mozzate nella tarda serata di giovedì 27 settembre 2018. Per questo un 35enne marocchino, residente a Mozzate, B.L. le sue iniziali, è stato arrestato in flagranza per il reato di resistenza, violenza a pubblico ufficiale e lesioni personali.

Tutto è partito da una richiesta di intervento arrivata al 112 che segnalava la presenza di una donna distesa a terra alla stazione di Mozzate. I carabinieri sono arrivati subito sul posto dove hanno trovato la ragazza su una panchina in evidente stato confusionale, senza alcun segno di violenza, e vicino al lei il 35enne marocchino, molto agitato e in preda ad un profondo stato di ubriachezza.
Alla vista dei Carabinieri, l'uomo si è scagliato contro di loro con calci, pugni e sputi.
Alla fine i militari sono riusciti a immobilizzarlo e perquisirlo: addosso aveva 2,4 grammi di hashish. L'uomo è stato arrestato e trattenuto presso le locali camere sicurezza, in attesa del processo con rito direttissimo celebrato nella giornata di venerdì. Sono stati chiesti i termini a difesa e il 35enne è stato posto in regime di arresti domiciliari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pasqua blindata, restrizioni almeno fino al 13 aprile

  • Turismo sul Lago di Como, si prospetta una tragedia economica

  • Bonus spesa e cibo: gli aiuti del governo in provincia di Como arriveranno attraverso i servizi sociali

  • Lomazzo, ragazza di 28 anni tenta il suicidio buttandosi dal secondo piano

  • Isolamento estremo: a Fino Mornasco dal 22 febbraio una famiglia con 2 bimbe non esce di casa

  • Lutto nella polizia penitenziaria: si toglie la vita un assistente capo di Como

Torna su
QuiComo è in caricamento