Monguzzo, agriturismo completamente abusivo nel parco regionale

Carenze igieniche, lavoratori in nero e nessuna autorizzazione: intervengono i carabinieri della Forestale

Un agriturismo completamente abusivo è stato scoperto dai carabinieri della Forestale di Asso all'interno del Parco Regionale della Valle del Lambro, a Monguzzo. SI trattava di una vera e propria azienda agricola che aveva anche predisposto un servizio di vendita e somministrazione di cibo al pubblico. I carabinieri, però, insieme ai colleghi del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale, Agroalimentare e Forestale di Como, hanno verificato che l'attività era priva di qualsiasi autorizzazione. Come se non bastasse venivano commessi quotidianamente numerose irregolarità e reati.

Il gestore aveva dato il via, ormai da anni, ad una vera e propria attività non regolarizzata con tanto di allevamento e di locali per la somministrazione di alimenti al pubblico, senza alcun tipo di autorizzazione o permesso all’interno di un’area boschiva. Nel corso degli accertamenti è stata rilevata la presenza di personale impiegato irregolarmente in violazione alla normativa in materia di tutela del lavoro. Le strutture abusive erano caratterizzate anche da una situazione di precarietà dal punto di vista delle condizioni igienico sanitarie, con la presenza di un bagno, sprovvisto di acqua corrente, i cui liquami venivano scaricati e dispersi direttamente nel suolo in assenza di qualunque tipo di autorizzazione. Sul posto è intervenuto anche l’Ufficio Igiene dell’Ats per lo svolgimento dei relativi rilievi e per l’adozione degli adempimenti di competenza dal punto di vista amministrativo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine, i carabinieri hanno accertato anche la presenza di una notevole quantità di rifiuti, anche pericolosi, e di un veicolo in stato di abbandono. Il proprietario è stato denunciato alla Procura della Repubblica per le violazioni urbanistico edilizie in area soggetta a vincolo paesaggistico, per l’attività di gestione dei rifiuti non autorizzata e per il deturpamento delle bellezze naturali.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gemelli uccisi, al funerale la lettera della madre e 'Un senso' di Vasco Rossi per l'ultimo straziante saluto

  • E' morto l'uomo ghepardo di Como

  • Como cancella l'Iva e diventa un Duty Free a cielo aperto. Obiettivo: attrarre gli stranieri

  • Statale Regina: multe salatissime e ritiro immediato del mezzo per chi circola senza assicurazione

  • Multa fino a 1.500 euro per chi pesca un siluro e non lo ammazza

  • Brienno, morto il motociclista caduto in galleria

Torna su
QuiComo è in caricamento