Maltrattamenti, arrestato a Como dopo la lite con la convivente: doveva già essere in carcere

La donna non voleva denunciarlo, ma su di lui un provvedimento per lo stesso reato

Doveva già essere in carcere per evasione e maltrattamenti in famiglia l'uomo arrestato a Como dalla polizia dopo una lite con la convivente.
Le Volanti della polizia sono intervenute verso le 8.25 di domenica 5 maggio 2019 per una lite e hanno proceduto a controllare le due persone coinvolte. Nonostante la donna non volesse sporgere querela verso il convivente, gli agenti hanno comunque arrestato l'uomo: da un controllo nell'archivio elettronico risultava destinatario di un ordine di carcerazione per cumulo pene per 2 anni, 9 mesi e 19 giorni di reclusione e 6 mesi di arresto e 7.100 euro di ammenda per i reati di evasione e maltrattamenti in famiglia emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Alessandria.
In manette è finito P.Y., 36 anni, cittadino italiano. E' stato portato al carcere Bassone di Como.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, drogava una bimba, abusava di lei e poi vendeva i video: emersi nuovi elementi

  • Ritrovato il corpo di Mattia Gandola, annegato nel lago del Segrino

  • La testimonianza: "In Svizzera il Covid vissuto con coscienza, in Italia la mascherina è più un bavaglio"

  • Come si vive a Como? Ecco le risposte di alcuni abitanti: "Paesaggi bellissimi, ma è una città per vecchi"

  • Como, si sposano i due senzatetto Silvia e Alessandro: il primo incontro fu su una panchina 10 anni fa

  • Eupilio: si cerca Mattia Gandola nel lago, forse annegato

Torna su
QuiComo è in caricamento