Casa in affitto: quali spese spettano al proprietario e quali no

Caldaia rotta, tubature da sostituire, spese condominiali: su chi gravano le spese dell'appartamento in affitto? Ecco che cosa dice la legge

credit Pixabay

Caldaia rotta, tubature da sostituire, pareti da ritinteggiare. Queste sono solo alcune delle possibili cause di dissapori tra il padrone di casa, o "locatore" per usare il gergo tecnico, e l'inquilino, o "conduttore". Pomo della discordia, infatti, è spesso la ripartizione delle spese. E se nella pratica quotidiana ognuno tende a tirare l'acqua al proprio mulino, la soluzione per una civile convivenza va rintracciata nelle normative di riferimento. 

Che cosa dice la legge

Ma che cosa dice la legge? Andiamo ad analizzare la suddivisione dei ruoli. In linea generale, è possibile affermare che spettano al coinquilino le spese di piccola manutenzione e manutenzione ordinaria dell'appartamento (come la riparazione di un rubinetto che perde o la tinteggiatura delle stanze, per intenderci). Mentre gravano sul padrone di casa le spese di manutenzione straordinaria, rese necessarie dall'età dell'immobile, e quindi le riparazioni necessarie che permettono all'immobile di servire all'uso per cui è costruito (come rifacimento del tetto) 

Ne consegue che se, ad esempio, insorge un danno sul soffitto dipendente dall'infiltrazione della conduttura del vicino, l’azione contro quest’ultimo e la richiesta di risarcimento danni spetta all’inquilino. 

Oneri accessori: le spese condominiali

Nel caso degli oneri accessori al contratto di locazione, e quindi alle spese condiminiali, la logica della ripartizione delle spese è uguale a quella inerente alle spese dell'appartamento stesso. E quindi sono a carico dell'inquilino gli interventi di manutezione ordinaria di zone, spazi ed impianti comuni (come la fornitura dell'energia elettrice delle scale), e pesano invece sul padrone di casa le spese di manutenzione straordinaria. 

Casa in affitto: ecco tutte le agevolazioni per chi ha un reddito basso

Spetta ovviamente all'inquilino il pagamento della rata condominiale. E in caso di mancato pagamento, l'amministratore condominiale deve ricevere il pagamento direttamente dal locatore, che a sua volta ha diritto di rivalersi sul suo inquilino. Quest'ultimo ha tempo due mesi per il "rimborso". 

Al di là delle normative generali, ogni dubbio, proveniente da entrambe le parti, può essere chiarito facendo riferimento alla "Tabella oneri accessori (ripartizione fra locatore e conduttore) concordata tra Confedilizia, Sunia, Uniat, Sicet e registrata in data 30.04.2014 presso l’Agenzia delle Entrate di Roma 2, sub n. 8455/3".

Potrebbe interessarti

  • Case vacanze online, i consigli per evitare truffe: le 8 regole della Polizia Postale

  • Formiche, i metodi naturali per allontanarle da casa

I più letti della settimana

  • Come allontanare gli scarafaggi

  • Case vacanze online, i consigli per evitare truffe: le 8 regole della Polizia Postale

  • Rimedi e soluzioni per pulire il box doccia

  • Piscine interrate i costi e i tempi per averne una nel proprio giardino

  • Consigli e suggerimenti per avere la lavastoviglie pulita e profumata

  • Consigli e rimedi per un frigo efficiente e pulito

Torna su
QuiComo è in caricamento