Como in Salute: le malattie sessualmente trasmissibili

Appuntamento con l'Ordine dei Medici al Liceo Volta

Malattie sessuali

Mercoledì 2 ottobre nuovo appuntamento con “Como in Salute”, la rassegna di incontri di carattere sanitario organizzati dall’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Como e dal Comune di Como, rivolti alla popolazione comasca in chiave divulgativa e guidati da medici e personale sanitario su argomenti di medicina generale e specialistica.

Alle 17.00 al Liceo Volta di Como si parlerà di “Malattie sessualmente trasmissibili”. Relatori saranno la dr.ssa Amelia Locatelli (Dermatologa); il dr. Luigi Pusterla (Infettivologo) e Fabio Gabrielli (Filosofo). Modera la dr.ssa Gabriela Candeo (Pediatra).

L’incontro vedrà la presenza del filosofo Prof Fabio Gabrielli che farà una riflessione antropologica sull’amore e sul suo significato nella società attuale. Si parlerà quindi di come i cambiamenti culturali relativi alla sessualità abbiano contribuito a determinare anche una nuova era per le infezioni a trasmissione sessuale.

Vecchie e nuove infezioni sono ancora presenti e attive rappresentando ancora oggi un rischio reale. Tra le infezioni virali, la più diffusa è quella del papilloma virus a cui è connesso un rischio oncologico. La diffusione dell'HPV è ampissima: si stima che circa l’80% delle donne sessualmente attive contragga l’infezione almeno una volta nella vita, con una prevalenza nelle giovani donne tra i 25 e i 35 anni, e che circa il 50% venga a contatto con un ceppo “ad alto rischio”. Oggi per prevenirla abbiamo a disposizione un vaccino specifico.

Tra le infezioni batteriche, la più diffusa è l’infezione da Chlamydia. Si tratta di un piccolo batterio che rientra nelle infezioni sessualmente trasmesse più frequenti ed è più diffusa nella popolazione giovanile fra i 15 e i 25 anni, con una percentuale del 7,7% rispetto al 5,5% della popolazione generale. Nella donna questa infezione decorre spesso in maniera sintomatica, ma può provocare importanti conseguenze, tra cui gravidanze extrauterine ed infertilità. Nell’uomo si possono manifestare danno ai testicoli e infezioni alla prostata.

L’incontro sarà anche il luogo ove fare una riflessione sull’infezione da HIV: quanto essa sia ancora presente ed importante e quanto spesso venga diagnosticata tardivamente a sottolineare il calo della percezione del rischio che è uno dei grandi problemi che stanno alla base di tutte le IST.

Il 79,0% dei sieropositivi è uomo, con età media alla diagnosi di 38 anni (36 anni per le femmine).

Il 26% delle persone diagnosticate come HIV positive è di nazionalità straniera: l’incidenza per 100.000 è di 5,0 nuovi casi tra gli italiani residenti e di 22,3 nuovi casi tra gli stranieri residenti.

La maggioranza delle nuove diagnosi di infezione da HIV è attribuibile a rapporti sessuali non protetti, che costituiscono l’80,7% di tutte le segnalazioni (rapporti eterosessuali 42,7% e omosessuali, maschi che fanno sesso con maschi 38,0%).

Relatrici dell’incontro: Dott.ssa Amelia Locatelli responsabile del Centro IST dell’ASST lariana e la Dott.ssa Miriam Fossati, infettivologa, dirigente medico presso la divisione di malattie infettive dell’ASST lariana.

L’incontro sarà corredato da interventi musicali del cantautore Simone Tomassini e da testimonianze di pazienti lette dagli attori della compagnia Oltre il Teatro.

Ingresso libero.

Informazioni

Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della Provincia di Como
segreteria@omceoco.it
- +39 031.572613

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, via Cecilio: la rivoluzione parte dalla nuova Coop

  • Ragazzino molestato in centro Como si rifugia in un bar: la polizia ferma un uomo

  • Como: lui la picchia e la prende a cinghiate, lei si chiude in bagno e chiama i soccorsi

  • Nuovo supermercato in arrivo a Cernobbio

  • Incidente a Lurago d'Erba: morta donna di 36 anni

  • Droga: scoperta fitta rete di spaccio fra i giovanissimi della Como bene

Torna su
QuiComo è in caricamento