Tornano gli "angeli" del lago: moto d'acqua per salvare i bagnanti

Vigili del fuoco per il progetto Lario Sicuro

È stata confermato anche per quest'anno il presidio acquatico gestito dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco. Nei giorni scorsi, infatti, il prefetto di Como, Ignazio Coccia, e il presidente dell'Autorità di Bacino del Lario e del Laghi Minori di Menaggio Luigi Lusardi, hanno sottoscritto l’apposita convenzione valida per l’intero periodo estivo finalizzata a garantire la possibilità di effettuare interventi di salvataggio lungo il litorale libero.
In concreto il servizio si propone di integrare il salvataggio di persone e natanti nell'ambito del progetto “Lario Sicuro”, predisposto ogni anno dall'Autorità di Bacino con le principali organizzazioni di volontariato ed altri enti, negli arenili liberi e pubblici e nelle acque libere ricadenti nella giurisdizione dei Comuni che aderiscono all’ente. Il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco assicurerà il servizio di soccorso con proprio personale a bordo di moto d’acqua MDA 34 con propulsore da 110CV, per 9 ore giornaliere circa, dalle ore 10 alle 19 nei seguenti giorni: 22, 26 e 29 luglio e 2, 5, 9, 12, 16, 19, 23, 26 e 30 agosto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, drogava una bimba, abusava di lei e poi vendeva i video: arrestato

  • Como, aliante caduto a Tavernola

  • Il primario del Sant'Anna: "Mascherine, distanziamento sociale e lavaggio quasi ossessivo delle mani"

  • Doccia fredda per turismo e commercio a Como: la frontiera con il Ticino non riprirà il 3 giugno

  • Cantù, minaccia di morte e perseguita per mesi l'ex socio: denunciato

  • Spostamenti tra le Regioni, la decisione sarà presa in base ai dati (e probabilmente con poco preavviso)

Torna su
QuiComo è in caricamento