Laglio, rifiuti in strada. Il sindaco: "Siamo pieni di telecamere, se necessario le useremo!"

Mozziconi, escrementi, sacchi gettati dal finestrino. Roberto Pozzi si sfoga in un post

Il sindaco di Laglio

Un recentissimo post su Facebook di Roberto Pozzi, sindaco di Laglio, ha raccolto in poche ore tanti like e tanti commenti. Argomento: l’inciviltà. Il Primo Cittadino è stufo di dover ricorrere a minacce, spesso senza esito, nella speranza di ottenere rispetto per le semplici norme che dovrebbero regolare la gestione dei rifiuti. L’abbiamo intervistato per farci spiegare che cosa, in un paesino ameno e ordinato come il suo, invece proprio non va. “La grande frustrazione di questi giorni è partita dal numero di mozziconi di sigaretta che abbiamo trovato gettati a terra o, peggio ancora, nel lago. Purtroppo questo atteggiamento è ancora per molti la normalità: dove si trovano, gettano il filtro e non si rendono conto del danno ambientale che provocano. Eppure ormai sappiamo tutto riguardo ai biblici tempi necessari per smaltire un rifiuto del genere, non ci sono scuse”.

il post di roberto pozzi-4

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma c’è un altro argomento che al sindaco sta particolarmente a cuore e che forse chi vive in città non può immaginare: “Il problema legato agli escrementi dei cani. Se è vero che ormai chi porta il cane al guinzaglio ha assunto la civile abitudine di portare i sacchetti e quasi sempre li usa, in frazione succede ancora che le famiglie lascino uscire il cane da solo, aprendogli semplicemente la porta. In questo modo non c’è nessuno che raccolga i suoi bisogni. Non è più tollerabile. Noi abbiamo 32 telecamere per 900 anime, una ogni 30 persone circa. Volendo potremmo reprimere andando a vedere i filmati e dando multe, ma vorremmo bastasse il senso civico. Diciamo che potremmo considerare questo post come un ultimatum”. In realtà fra i numerosi commenti, c’è anche chi invoca il ricorso alla multa, con la ben nota idea che “in Italia si adeguano alle leggi solo se gli tocchi il portafoglio. “Bè, intanto una vera e propria repressione di questo tipo la stiamo attuando con chi usa impropriamente i cassonetti verdi messi nel nostro comune sulla statale Regina”. Il sindaco si riferisce ai bidoni per la differenziata ancora indispensabili in un comune dove i turisti non possono aspettare il giorno di ritiro e quindi hanno bisogno di un cassonetto generico sempre disponibile. “Peccato che sia ormai diventata prassi per molti individui che passano lungo la strada lasciare nei cassonetti, o vicino a essi, rifiuti che non possono smaltire nel loro comune. Abbiamo scoperto grazie alle telecamere che c’è addirittura chi lancia il sacco oltre il finestrino, senza fermarsi. In questo caso stiamo già prendendo provvedimenti, visionando i filmati per poter multare gli incivili”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pasqua blindata, restrizioni almeno fino al 13 aprile

  • Turismo sul Lago di Como, si prospetta una tragedia economica

  • Lutto nella polizia penitenziaria: si toglie la vita un assistente capo di Como

  • Lomazzo, ragazza di 28 anni tenta il suicidio buttandosi dal secondo piano

  • Bonus spesa e cibo: gli aiuti del governo in provincia di Como arriveranno attraverso i servizi sociali

  • Isolamento estremo: a Fino Mornasco dal 22 febbraio una famiglia con 2 bimbe non esce di casa

Torna su
QuiComo è in caricamento