Ordinanza del sindaco: a Cantù ripartono i mercati scoperti per generi alimentari

Ambulanti a Mirabello, Vighizzolo, Cascina Amata e centro città

Con un'ordinanza il sindaco di Cantù, Alice Galbiati, ha disposto la riattivazione dei mercati scoperti per generi alimentari. Per la precisione il sindaco Galbiati ha ordinato "a partire dal 29 aprile e fino al giorno 3 maggio, fatte salve eventuali ulteriori proroghe o integrazioni che si rendessero necessarie, la riattivazione dei mercati settimanali scoperti di piazza Marconi (sabato), Vighizzolo (mercoledì), Cascina Amata (giovedì) e Mirabello (lunedì, in caso di proroga delle misure) fino alle ore 13.00, limitatamente alla vendita dei prodotti alimentari, alle condizioni definite nell’Ordinanza regionale 532/2020". Le condizioni da rispettare, dunque, sono le seguenti:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

1. posizionamento dei banchi di vendita secondo le planimetrie A (Cantù Centro - Piazza Marconi), B (Vighizzolo), C (Cascina Amata) e D (Mirabello) allegate; 
2. assegnazione temporanea dei posteggi come da planimetrie allegate e nel numero di seguito precisato di posteggi assegnati ad operatori del settore alimentare:
a. Mercato Cantù Centro: n. 19 posteggi (di cui n. 2 posteggi doppi assegnati al medesimo operatore);
b. Mercato di Vighizzolo: n. 14 posteggi;
c. Mercato di Cascina Amata: n. 2 posteggi;
d. Mercato di Mirabello: n. 2 posteggi;
dando atto che la posizione in planimetria è indicativa e che resta fatta la salva la possibilità di riorganizzare il posizionamento delle attrezzature di vendita da parte del personale di Polizia Locale in funzione degli operatori effettivamente presenti;
3. assegnazione tramite spunta di eventuali posteggi liberi a operatori del settore alimentare, fino al concorrere del numero massimo di posteggi indicati al punto 2; 
4. capienza massima di persone contemporaneamente presenti all’interno delle due aree comunque non superiori al doppio del numero dei posteggi di volta in volta occupati dagli operatori presenti;
5. assegnazione delle funzioni di “Covid Manager” di cui all’art 1 lettera b) dell’Ordinanza n. 532 del 24/04/2020 al funzionario di Polizia Locale individuato, con il supporto di un volontario della Protezione Civile, con compiti di coordinamento del personale addetto, assistenza a clienti e operatori del mercato e attuazione delle misure di cui alla presente ordinanza;
6. limitazione del perimetro esterno delle aree di mercato con transenne, o nastro bicolore, o altri strumenti in modo che vi sia un unico varco di accesso separato da quello dell’uscita dalla singola area di mercato;
7. segnaletica nei dintorni dell’area di mercato che indirizzino gli utenti ai varchi di accesso e uscita;
8. accesso alle singole aree di mercato consentito ad un solo componente per nucleo familiare, con l’unica possibilità di portare con sé minori di 14 anni, disabili o anziani, con l’obiettivo di ridurre i rischi di diffusione del contagio da Covid-19;
9. rilevazione con strumentazione opportuna, da parte del personale comunale, della temperatura corporea degli utenti e degli operatori commerciali dei due mercati prima del loro accesso  e divieto di accesso all’area, a seguito di rilevazione di una temperatura corporea uguale o superiore a 37,5°C e contestuale invito a rientrare presso la propria abitazione, contattare il medico curante limitando al massimo i contatti sociali;
10.  messa a disposizione, a cura degli operatori commerciali dei due mercati, di idonee soluzioni idroalcoliche per le mani e di guanti “usa e getta”, questi ultimi da usarsi obbligatoriamente;
11.  obbligo di utilizzo, da parte degli operatori commerciali dei due mercati, di mascherina a copertura di bocca e naso, nonché di guanti;
12.  distanziamento di tre metri tra le attrezzature di vendita dei singoli operatori dei mercati;
13.  presenza di non più di due operatori per ogni posteggio;
14.  rispetto, sia all’interno dell’area del mercato sia per i clienti in attesa di accesso all’area, del distanziamento interpersonale di almeno un metro e del divieto di assembramenti, rispetto al quale Confesercenti Como ed i singoli titolari di posteggio adotteranno ulteriori ed idonee misure di mantenimento di tale distanza interpersonale tra le persone in attesa dell’accesso all’area di vendita o di essere servite;

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le 5 camminate più belle sul Lago di Como

  • Tatiana Ortelli, la ragazza morta nell'incidente in via per Cernobbio

  • Ritrovato il corpo di Mattia Gandola, annegato nel lago del Segrino

  • Auto cade nel lago: morta una ragazza in via per Cernobbio

  • Il racconto di una delle giovani vittime e la scoperta del night con prostituzione "di lusso"

  • Incidente via per Cernobbio, arrestato il ragazzo alla guida per reato stradale: aveva bevuto troppo

Torna su
QuiComo è in caricamento