Il grido d'aiuto degli infermieri di Como: "Siamo pochi e ci stiamo ammalando"

Biosgna intervenire prima che la situazione diventi come quella di Bergamo

E' un vero e proprio grido d'allarme quello contenuto nella lettera che il presdidente dell'Ordine delle professioni infermieristiche di Como, Dario Cremonesi, ha inviato alle istituzioni chiedendo di intervenire quanto prima con nuove risorse di personale. Infatti, la situazione è tutt'altro che in via di miglioramento poiché a fronte di un continuo aumento dei casi di contagio da cxoronavirus, si registra una diminuzione del personale infermieristico, proprio a causa di nuovi contagi anche in questa categoria. Ecco la lettera di Cremonesi:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il documento siglato insieme agli altri presidenti della Lombardia è mirato a sensibilizzare le istituzioni rispetto a quello che tutte le professioni sanitarie, soprattutto gli infermieri, stanno vivendo in questo momento. I colleghi delle zone più colpite dal virus sono stremati e disarmati da questa situazione. L’organizzazione del lavoro richiede che i turni vengano scanditi in modo equo e sostenibile visto che sono già molto faticosi, anche per l’utilizzo di presidi di protezione individuale che rendono più difficile il lavoro l’assistenza al paziente. Per poterlo fare servono le risorse.
Così come è stato fatto un appello a livello regionale per richiamare medici da altre regioni, in pensione e addirittura da altri Stati, chiediamo che lo stesso venga fatto per gli infermieri.
In questo momento le professioni sanitarie sono unite da un unico obiettivo e tutte hanno necessità di recuperare le forze per poter continuare a condurre questa battaglia contro un’emergenza che sta impattando tragicamente sulla popolazione. Tra questi cittadini ci sono anche gli infermieri e i medici che si stanno ammalando, anche seriamente. Il personale diminuisce quotidianamente, ma l’attività aumenta perché le persone malate sono tante e richiedono un’assistenza complessa.
Abbiamo bisogno di rinforzi e confidiamo che le istituzioni di qualsiasi livello ascoltino questo appello anche per le aree come quelle della provincia di Como, affinché possano arrivare infermieri in regime straordinario per supportare le strutture e per erogare l’assistenza migliore ai pazienti. A Como al momento non siamo nelle condizioni di province come Bergamo, Brescia, Lodi, Crema e Cremona, ma non dobbiamo aspettare che la situazione degeneri e che sia troppo tardi.
Mi auguro che i colleghi delle regioni al momento meno colpite dal virus possano sostenerci e qualora, dovessero aver bisogno di noi, saremo pronti a dare una mano”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato il corpo di Mattia Gandola, annegato nel lago del Segrino

  • Auto cade nel lago: morta una ragazza in via per Cernobbio

  • La testimonianza: "In Svizzera il Covid vissuto con coscienza, in Italia la mascherina è più un bavaglio"

  • Eupilio: si cerca Mattia Gandola nel lago, forse annegato

  • Una super grandinata si abbatte sull'Erbese: chicchi grossi come noci a Lambrugo

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia: 38 morti e +354 positivi (il 70% dei nuovi casi in Italia), bene Como

Torna su
QuiComo è in caricamento