Coronavirus: sono già 6mila i frontalieri che hanno perso il lavoro

E il numero non tiene conto degli stagionali

Secondo le stime della Cgil, sono almeno 6mila i frontalieri, quasi tutti impiegati nel commercio e nel turismo, già licenziati dalla Svizzera dall’inizio dell’emergenza Coronavirus. Ricordiamo che la Confederazione Elvetica, un paese di appena 8 milioni di abitanti, è la seconda nazione più colpita in percentuale, dopo la Spagna. Emergenza vera, insomma che farà salire ancora il numero dei senza lavoro, basti pensare a tutti i lavoratori italiani stagionali: bar, ristoranti e alberghi svizzeri normalmente contano tantissimo sulla “manodopera” altre frontiera.

Il Consiglio generale degli italiani all’estero ha chiesto al Governo di estendere ai frontalieri le indennità previste per i lavoratori nel decreto del 18 marzo:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La proposta si rivolge ai connazionali che hanno cessato involontariamente il rapporto di lavoro per l’emergenza”. Precisa Mirko Dolzadelli, responsabile Cisl per i frontalieri nel Consiglio generale degli italiani all’estero. Gli italiani che risiedono stabilmente all’estero sono molti di più di quanto si tenda a credere: si tratta di circa 5 milioni e mezzo di persone, quindi il 10% della popolazione nazionale! A loro si aggiungono quelli che sono all’estero solo temporaneamente e i migliaia di non regolarizzati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mascherine, in Lombardia stop all'obbligo all'aperto dal 15 luglio

  • Nel cielo di Como lo spettacolo della cometa di Neowise, visibile a occhio nudo

  • Miss Mondo: sei le comasche in semifinale. Ecco le loro foto

  • Laura, negoziante guerriera, dice no a Como duty free

  • Incidente sulla Valassina: traffico in tilt in direzione Milano

  • Incidente in moto a Valmorea: morto un ragazzo di 19 anni

Torna su
QuiComo è in caricamento