Como, supermercati e farmacie: ora possibile misurare la febbre a chi entra

È l'effetto della nuova ordinanza della Regione

La nuova ordinanza firmata dal presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana il 21 marzo 2020 prevede per supermercati, farmacie ed edicole la possibilità di domandare agli avventori di misurare la temperatura. Non è per ora del tutto chiaro quali siano le possibilità per i gestori qualora si rilevi uno stato febbrile. Potranno impedire al cliente di entrare o dovranno semplicemente attenersi alla richiesta di intervento dei sanitari? E prima ancora, quali risorse della sanità saranno destinate a questa pratica?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto però, quella che forse fino a un mese fa ci sarebbe sembrata una grossa violazione delle nostre libertà diventa una manovra necessaria per contenere un virus che non si è fermato neanche davanti all'impegno della maggior parte dei comaschi a restare chiusi in casa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, drogava una bimba, abusava di lei e poi vendeva i video: emersi nuovi elementi

  • Como, aliante caduto a Tavernola

  • Doccia fredda per turismo e commercio a Como: la frontiera con il Ticino non riprirà il 3 giugno

  • Come si vive a Como? Ecco le risposte di alcuni abitanti: "Paesaggi bellissimi, ma è una città per vecchi"

  • Ibrahimovic: gita con il compagno Hakan Calhanoglu sul Lago di Como

  • Como, si sposano i due senzatetto Silvia e Alessandro: il primo incontro fu su una panchina 10 anni fa

Torna su
QuiComo è in caricamento