Il Ticino riparte: coda di 2 km alla dogana di Ponte Chiasso

Già dalle prime ore del mattino, in dogana tutto bloccato

Lunghe code ai valichi per entrare oggi, lunedì 27 aprile, in Svizzera da Como. Infatti in Ticino le attività, salvo la ristorazione e poco altro, da stamattina sono ripartite coinvolgendo migliaia di frontalieri lariani, ma i controlli sono inevitabilmente più serrati e si creano dei rallentamenti. Alcuni lettori ci fanno sapere che, esponendo direttamente sul cruscotto il permesso di lavoro e l’autocertificazione, non sono stati fermati, il che di per se potrebbe snellire il passaggio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I pendolari sperano però che in generale le cose migliorino nel giro di poco, perché altrimenti diventerà necessario uscire circa un'ora e mezza prima del solito per recarsi sul posto di lavoro.
Il Movimento 5 Stelle comasco ha garantito che il Governo italiano si è attivato per accordarsi con quello elvetico per la riapertura di tutti i valichi lombardi, ma anche per arrivare a regole comuni di contenimento del virus sul posto di lavoro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gemelli uccisi, al funerale la lettera della madre e 'Un senso' di Vasco Rossi per l'ultimo straziante saluto

  • E' morto l'uomo ghepardo di Como

  • Como cancella l'Iva e diventa un Duty Free a cielo aperto. Obiettivo: attrarre gli stranieri

  • Statale Regina: multe salatissime e ritiro immediato del mezzo per chi circola senza assicurazione

  • Multa fino a 1.500 euro per chi pesca un siluro e non lo ammazza

  • Brienno, morto il motociclista caduto in galleria

Torna su
QuiComo è in caricamento