Accensione anticipata del riscaldamento: da quando e per quante ore

A Como il via ufficiale è il 15 ottobre. Ma occhio alle limitazioni

Quanti di voi si staranno chiedendo se, con il freddo intenso di questi giorni specie all’interno degli edifici, non sia possibile anticipare l’accensione del riscaldamento! La normativa per la fascia climatica E, in cui la provincia di Como è inserita, prevede l’accensione il 15 ottobre, ma è possibile far scaldare prima i termosifoni “se la situazione climatica lo rende necessario, anche senza espressa autorizzazione da parte del Comune”, fa sapere l’amministrazione comasca. In questo caso:

  • L’impianto può funzionare durante la giornata ma l'accensione non può superare le 7 ore, ovvero la metà di quelle consentita in via ordinaria.
  • Anche in caso di attivazione straordinaria, devono essere rispettati i valori massimi di temperatura fissati negli ambienti, che per le case vuol dire max 20°C.

Dal 15 ottobre invece si può viaggiare a pieno regime, sempre seguendo le norme vigenti:

  • I caloriferi possono essere accesi per un massimo di 14 ore al giorno, (con conteggio frazionato);
  • La temperatura dell'aria all'interno degli edifici residenziali non deve superare i 20°C, + 2°C di tolleranza.
  • Per industrie industre, laboratori artigiani e simili, la temperatura non deve superare i 18°C + 2°C di tolleranza.

Beati quelli che hanno il camino!

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Como, via Cecilio: la rivoluzione parte dalla nuova Coop

  • Ragazzino molestato in centro Como si rifugia in un bar: la polizia ferma un uomo

  • Dieci gite in giornata a partire da Como: una mini-guida per non restare a corto di idee

  • Cosa fare in settimana a Como: 7 appuntamenti per 7 giorni

  • Como: lui la picchia e la prende a cinghiate, lei si chiude in bagno e chiama i soccorsi

  • Evasione e frode fiscale nei rally: tre società nei guai per 12 milioni di euro di false fatture

Torna su
QuiComo è in caricamento