Città dei Balocchi, un boom da oltre 2 milioni di visitatori

I dati definiti nei prossimi giorni ma i numeri sono impressionanti

Piazza del Duomo durante La Città dei Balocchi

Che l'edizione 2018-2019 della Città dei Balocchi fosse stata clamorosa lo avevamo già scritto nei giorni scorsi in questo articolo. Le avvisaglie del clamoroso boom si erano già viste in occasione del ponte dell'8 dicembre quando la città era stata invasa da un autentico tsunami umano. Ma i numeri, a fari spenti, seppure non ancora definiti, sono davvero impressionanti: oltre 2 milioni di visitatori, roba da far impallidire anche le edizioni precedenti. Martedì prossimo, il 15 gennaio, ci sarà una conferenza stampa dove questi numeri ufficiali verranno analizzati e spiegati in dettaglio dagli organizzatori della manifestazione. Per fare un parallelo, si pensi che a Lugano il Natale ha portato solo 180 mila visitatori. 

Ci sarà quindi tempo nei prossimi mesi per riflettere, anche sulle tanto discusse ripercussioni sul traffico cittadinio, ma innanzitutto occorre fare un applauso a chi è stato in grado di mettere in piedi un evento di questa portata. Forse nessuno immaginava che potesse ancora crescere fino a diventare un gigante che ora Como dovrà imparare a gestire meglio senza ridimensionarlo. Occorrerà educare per tempo i visitatori e soprattutto predisporre un piano parcheggi di periferia con navette, assolutamente adeguato alla portata della Città dei Balocchi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche per gli organizzatori, iniziando dall'orgoglioso patron Daniele Brunati, sarà l'occasione per capire come guidare al meglio il prossimo anno questa Ferrari del Natale senza farsi male, anche quando in città si parla solo dei disagi che crea. Ripartire dal successo, dall'indotto, dalla vitalità di questi mesi è intanto giusto e necessario. Per molti aspetti questa ventesima edizione della kermesse natalizia rimarrà infatti da incorniciare. Detto questo, dimenticare di sistemare le "curve strette" del circuito sarebbe un errore che soprattutto il Comune di Como non si potrà permettere. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gemelli uccisi, al funerale la lettera della madre e 'Un senso' di Vasco Rossi per l'ultimo straziante saluto

  • E' morto l'uomo ghepardo di Como

  • Como cancella l'Iva e diventa un Duty Free a cielo aperto. Obiettivo: attrarre gli stranieri

  • Statale Regina: multe salatissime e ritiro immediato del mezzo per chi circola senza assicurazione

  • Multa fino a 1.500 euro per chi pesca un siluro e non lo ammazza

  • Brienno, morto il motociclista caduto in galleria

Torna su
QuiComo è in caricamento