Augusto scappa da via Anzani: "Strada troppo brutta, liquido tutto e chiudo il negozio"

Il giovane titolare: "Zona frequentata da brutta gente, è sempre peggio"

Ha provato ad avviare la sua attività in via Anzani, ma dopo due anni e tre diverse tipologie commerciali, Fausto Sommaruga ha gettato la spugna: "E' impossibile rimanere in questa via, è una strada allo sbando".
E' uno sfogo amaro quello di Fausto che da tre settimane ha apposto il cartello "liquido tutto" fuori dalla sua cartoleria, ex sala game (vendeva videogiochi) e ancor prima ex negozio di informatica. "Io e mio fratello - racconta - abbiamo provato ad avviare la nostra piccola attività e agli inizi è andata anche bene, ma poi gli affari sono andati sempre peggio. E' difficile lavorare in questa zona, è diventato un pessimo quartiere frequentato da moltissimi immigrati che stazionano ore e ore sui marciapiedi e nel parco. E' anche diventata zona di spaccio, normale che regni il degrado. E' diventata davvero una brutta zona e non intendiamo restare oltre, per questo cessiamo la nostra attività".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, oltre 200 contagi: in Lombardia sono 173.

  • Coronavirus, ancora in prognosi riservata il paziente trasferito al Sant'Anna dal Lodigiano

  • Coronavirus, scuole chiuse e vietate le visite ai parenti in ospedale

  • Coronavirus, proposta shock in Ticino: chiudere accesso ai frontalieri

  • Fobia coronavirus, a Mariano Comense prendono a sassate un anziano cinese: interviene Dj Francesco

  • Coronavirus, morto il paziente ricoverato all'ospedale Sant'Anna

Torna su
QuiComo è in caricamento