50 mila euro per il Gloria di Como

Avviata una nuova trattativa con la propietà

Manchi tu nell’aria, la grande campagna di raccolta fondi per preservare il cinema Gloria di Como chiude la prima parte con oltre 50.000 euro di raccolta, un risultato lusinghiero reso possibile dai tanti  che si sono mobilitati in questi tre mesi:  singole persone, le associazioni  e i tanti artisti che hanno offerto i loro spettacoli.

Questi tre mesi ci hanno detto anche del grande potenziale della campagna, del’interesse che sta suscitando anche in ambiti distanti dal Gloria, delle tante proposte e iniziative artistiche a cui dare un calendario, di possibili vie finanziarie da esplorare;  tutte cose che rendono ottimisti e fanno dire con forza che la rotta è tracciata.

Con la proprietà è stata concordato una nuova data per la firma del compromesso e avviato un ragionamento sulla possibile dilazione dei tempi di pagamento. La nuova data è il 31 dicembre 2019, per allora la campagna dovrà aver raggiunto almeno i 120.000 euro indicati come primo obiettivo, questo darebbe sufficiente tranquillità ai gestori per andare alla firma.

Già da oggi si riparte dunque per preparare la campagna d’autunno di Manchi tu nell’aria, saranno quattro mesi ricchi, intensi, pieni di iniziative. Il primo appuntamento sarà il 7 e 8 settembre per due giorni di festa che segneranno il nuovo lancio della campagna. Manchi tu nell’aria continua anche durante l’estate con il banchetto in piazza Martinelli a Como e in tutti i luoghi dove il Gloria farà cinema all’aperto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tenta di stuprare una ragazza sul treno Chiasso-Como-Milano, ma lei reagisce e lo fa scappare

  • Nei bordelli ticinesi sconti per gli italiani: anche così si combatte la crisi

  • Svizzera, l'Iceberg di Lugano riaccende le luci (rosse)

  • Incidente in galleria a Cernobbio: viabilità al collasso

  • Como: lui la picchia e la prende a cinghiate, lei si chiude in bagno e chiama i soccorsi

  • Litiga con un altro automobilista e gli disfa la macchina a pugni: è un comasco

Torna su
QuiComo è in caricamento