Quattro ristoranti? Ecco chi sono i master chef lariani

Un poker di cucine stellate: da Como ad Appiano Gentile, da Albavilla a Torno

Lo chef stellato Andrea Berton

Magari non tutti lo sanno ma in provincia di Como operano alcuni prestigiosi chef stellati. Per gustare le loro prelibatezze, oggetto di veri e propri tour, i gourmet arrivano da tutta Italia e dall'estero. Iniziamo questo piccolo viaggio gastronomico da i Tigli in Theoria di Como, guidato dallo chef Franco Caffara. Nel 1995, dopo una lunga esperienza in Giappone, lo chef mantovano ritorna in italia per affrontare in proprio - con il sostegno di tutta la sua famiglia - l’apertura di un suo ristorante a Cirimido, un piccolo paese in provincia di Como, lungo un viale alberato solo di “Tigli”, dai quali prenderà il nome. Nel 2004 si trasferisce a Como, dove apre il ristorante “i Tigli al lago”. Arrivano i primi riconoscimenti delle guide gastronomiche italiane e, nel 2012, si avvera il sogno dell’ambita Stella Michelin: il primo ristorante a Como a ricevere questo merito. Nel 2014, accoglie la grande opportunità offertagli da Giovanni Maspero di portare la sua esperienza nella prestigiosa Palazzina del Vescovescovile quattrocentesca nel centro di Como, tra il Duomo e il lago, in via Bianchi Giovini, dove la sua competenza si arricchisce della qualità offerta dall’elegante ristorante i Tigli in Theoria, caratterizzato da una serie di ambienti distinti che fanno da cornice alla bellissima cucina moderna a vista e che raccontano in sala la medesima attenzione al dettaglio della cucina. Nel nuovo ristorante “i Tigli in Theoria”, ispirato a una sofisticata semplicità, lo chef Franco Caffara, propone una cucina in continua evoluzione che unisce grande rispetto per Ia tradizione, freschezza dei prodotti del territorio, rigore e semplicità di preparazione e che produce dal pane alle paste sino alla pasticceria, con l’amore e la cura di un tempo.

Proseguiamo con un altro master chef comasco, da alcuni considerato il più coraggioso d'Italia. Nato a Como nel 1973, dopo l’alberghiero per Paolo Lopriore è subito arrivato l'incontro fatale: in via Bonvesin de la Riva, al suo primo stage, dietro la porta c’era il grande Gualtiero Marchesi. A Milano si ferma  per un paio di stagioni nei primi anni '90, un po' di esperienza qua e là e il ritorno dal maestro nel nuovo retiro di Erbusco. Poi la Francia, Ledoyen e Troisgros con Michel Porthos, la Bagatelle di Oslo,  il lavoro con Enrico Crippa e 10 anni chef al Canto della Certosa di Maggiano. Una toccata e fuga al Grand Hotel Como e finalmente, nell'agosto del 2016, Il Portico ad Appiano Gentile dove mette a punto la sua "Nuova concezione ristorativa" con un salto nel passato e alla memorie gustative del territorio lariano. Un'esperienza di cucina capace di unire innovazione e tradizione tutta da gustare a partire dei due menù offerti dopo aver ricevuto il benvenuto di chef Lopriore.

Questo breve viaggio nel gusto continua con una tappa ad Albavilla. Il Cantuccio dello stellato Mauro Elli è un'altra esperienza di grande cucina. Di origini lombarde, Mauro Elli, si diploma al Centro di Formazione Professionale Alberghiera di Clusone, in provincia di Bergamo. La prima esperienza è in terra scozzese, in un piccolo ristorante italiano dove Mauro prosegue il suo percorso formativo per quattro anni. Rientrato in Italia forte di un'ottima conoscenza delle lingue straniere, inglese e francese in primis, esercita la professione nei più lussosi alberghi della riviera ligure, tra cui lo Splendido di Portofino, e della Svizzera, in modo particolare nella zona di St. Moritz, alternando così le stagioni estive e quelle invernali. Infine, forte dell'esperienze maturate, ad agosto del 2003, la decisione di aprire un proprio locale in cui essere Chef- patron, ad Albavilla, nel cuore dell'Alta Brianza, a pochi passi dal Lago di Como. Ed è qui che nel 2007 riceve il prestigioso riconoscimento che lo ha consacrato come chef di successo a livello mondiale: la stella Michelin, che conserva tutt'ora.

A chiudere il poker la Stella Michelin più recente, ovvero quella ricevuta lo scorso dal ristorante Berton al Lago, all’interno del lussosissimo Hotel Sereno di Torno, guidato dagli chef Andrea Berton e Raffaele Lenzi. Il primo, Berton, è un altro figliol prodigo di Gualtiero Marchesi, che si è guadagnato la prima stella Michelin da chef della Taverna di Colleredo di Monte Albano a Udine. La seconda, arrivata e scomparsa come una cometa, arriva dal mondano Trussardi di Milano, ma è il suo Berton, nell’avveniristico complesso di Porta Nuova Varesine, sempre a Milano Milano, a riportare la stella nel 2014, solo un anno dopo l’apertura. 
La vita e la carriera di giovane Lenzi sono segnate da incontri e collaborazioni con tanti chef stellati che gli hanno trasmesso metodo, disciplina, conoscenze tecniche e capacità gestionali: da Napoli a Londra, da New York a Valencia. Già chef di partita nelle cucine degli stellati Bruno Barbieri e Elio Sironi nel 2008, diventa successivamente junior sous chef di Pino Lavarra e Stefano Baiocco. Nel 2011 accetta il ruolo di executive sous chef presso l'Armani Hotel di Milano dove resterà fino a settembre 2013 quando viene chiamato a dirigere la cucina del ristorante Turbigo. Successivamente affianca lo chef Alberto Citterio presso l’Hotel Seven Stars di Milano. Al Berton a Lago, nel nuovo locale firmato Patricia Urquiola, non pofssono mai mancare il pescato del giorno e i grandi classici di due master tra i più quotati del momento. 

Infine, non si possono certo dimenticare le altre stelle del Lario: l'ormai storico Mistral di Bellagio al Grand Hotel Villa Serbelloni, chef Ettore Bocchia; a Campione d’Italia Da Candida ,chef Bernard Fournier; a Pellio Intelvi La Locanda del Notaio, chef Edoardo Fumagalli. Una citazione anche il lanciatissimo The Market Place di Como, chef Davide Maci. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morto Giovanni, senzatetto orgoglioso

  • Drammatica scoperta in Municipio a Como: lago di sangue in un bagno di Palazzo Cernezzi

  • Como, picchia la moglie in centro: il video dell'arresto

  • Droga e mitragliatrici: maxi arresto della Procura di Como

  • I 10 eventi da non perdere in questo weekend a Como e al lago

  • Matteo vende la Tigella Bella, il take away numero uno a Como

Torna su
QuiComo è in caricamento