Economia&Lavoro

Resta solo domenica per visitare Forlener a Lariofiere

Lariofiere un’altra giornata dedicata a Forlener, il Salone italiano dedicato alla filiera foresta, legno ed energia.

Lo studio presentato durante il convegno organizzato dalla Federazione Regionale Ordine Dottori Agronomi e Forestali della Lombardia, evidenzia che le foreste lombarde sono in espansione, ma  solo una minima parte viene utilizzata per il legname: «Restiamo tra i primi Paesi importatori di legno, dobbiamo imparare a utilizzare di più le nostre risorse interne» dice Tiziana Stangonidella Federazione Agronomi Forestali.

Fino a domenica, tante le attività presenti a Forlener: 100 espositori, grandi mezzi e macchine in movimento, tante attività destinate non solo a un pubblico di addetti ai lavori, ma anche agli hobbisty e privati, con un occhio di riguardo ai più piccoli che potranno scoprire la magia del mondo del bosco e del legno, anche attraverso attività sensoriali e divertenti laboratori con spazzacamini.

Domani, domenica 14 maggio, sarà l’ultimo giorno della manifestazione e non mancheranno convegni e incontri formativi. Per il grande pubblico, invece, visite guidate alle grandi macchine in movimento (ore 9.30 e 16.30), dimostrazioni mozzafiato di abbattimento controllato in tree climbing taglio di Formazione 3T e divertimento con i più piccoli con gli spazzacamini di Anfus, che oltre a intrattenere i bambini, presenteranno alle 17 una  simulazione incendio di canna fumaria.

Alle 16, si concluderà anche la seconda edizione Expo di legni pregiati con le comunicazioni ufficiali delle offerte.

Elena Agazia, organizzatrice della manifestazione: “E’ la prima volta per noi in Lombardia, ma dall’avvio dei lavori credo proprio che siamo arrivati nel posto giusto. Ringrazio tutte le associazioni che ci hanno sostenuto e in particolare Lariofiere. Forlener non è solo legna da ardere, ma anche esposizioni di legname di pregio che verrà utilizzato nelle meravigliose produzioni del territorio”.

La filiera del legno del territorio ha ben accolto questa manifestazione, omaggiandola di fatto con la presenza di alcune perle, a partire dai Legni d’arte e dalle barche di Raul Luraschi, dalla collezione di ebano della linea Ghianda arrivata direttamente per l’occasione da Tokio, passando per le celebri boiserie Turati.  A ciò si affianca il Consorzio Vero Legno con Zanuso e le meravigliose barche dei Cantieri Ernesto Riva.

Enrico Tagliabue, patron di Tabu che è presente con oggetti status symbol invita a riflettere: “Ricordate che il petrolio finirà, come il gas. Sta a noi coltivare il legno”.

Anche vere proprie opere d’arte a Forlener, tra cui quelle di Valerio Gaeti, artista molto noto nel filone natural art, delle produzioni Riva1920, sculture di Pietro Arnaboldi e di Nue Martini. Presenti anche le produzioni di liutai e di articoli per bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *