Reati&Delitti

Arrestati piromani seriali che appiccavano incendi e restavano a guardare i soccorsi

di

Almeno tre gli incendi dolosi che sarebbero stati appiccati dai due presunti piromani seriali arrestati la scorsa notte a San Siro dai carabinieri forestali di Gera Lario. Tutti gli incendi di cui sono accusati i due uomini sono divampati nei boschi sui monti dell’alto lago. In particolare sarebbero a loro riconducibili i roghi appiccati nei comuni di Livo, Musso e San Siro. I due arrestati sono un ragazzo di 19enne di Musso e un 31enne di San Siro.
Le indagini sono state avviate dalla Stazione Carabinieri Forestale di Gera Lario, in seguito ad un incendio boschivo appiccato, appunto, dolosamente il 27 marzo a Livo.
Le indagini hanno permesso di individuare i punti di innesco e comprendere il modus operandi dei presunti autori. Il 4 aprile si è verificato un altro incendio boschivo a Musso, con caratteristiche analoghe al precedente, da cui sono emersi ulteriori indizi e raccolte testimonianze che hanno indirizzato l’attenzione degli investigatori su due uomini.
I militari si sono trovati di fronte a due incendiari seriali, che appiccano il fuoco e rimangono sul posto per seguire le operazioni di spegnimento. I carabinieri di Gera Lario, Menaggio e Carlazzo, insieme ai colleghi del Nucleo Investigativo del Gruppo Carabinieri Forestale di Como hanno approntato un’intensa attività investigativa con pedinamento e controllo, volta anche ad evitare il pericolo di reiterazione del reato. Il territorio interessato è uno dei più pesantemente colpiti dal fenomeno degli incendi boschivi, che provoca enormi costi per la collettività, soprattutto in una stagione ad alto rischio come quella in corso.
Decisivo è stato il blitz messo a segno la scorsa notte, quando i presunti colpevoli sono stati colti sul fatto a seguito dell’ennesimo incendio divampato nel comune di San Siro. I due sono stati accompagnati al carcere Bassone di Como dove attualmente si trovano agli arresti. Sono al vaglio degli inquirenti altri episodi che potrebbero essere a loro riconducibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *