Vita in città

Dopo la denuncia bagni riaperti ai giardini a lago

Si è dovuta muovere Chiara Taiana denunciando a video la chiusura dei bagni pubblici dei giardini a lago per far sì che il problema venisse risolto. All’indomani della denuncia della candidata della lista Rapinese Sindaco qualcosa si è mosso. Già ieri l’assessore Marcello Iantorno (delega al Patrimonio) aveva assicurato che il titolare del minigolf e dell’annesso bar avrebbe riaperto i bagni nonostante la struttura sia ancora chiusa (e nonostante sia stata confermata a lui la concessione). Il gestore, dunque, ha accolto serenamente la richiesta di riaprire i bagni pubblici in un periodo dell’anno in cui la città è presa d’assalto dai turisti. Dunque, a Pasqua e Pasquetta centinaia di persone a passeggio nella zona turistica dei giardini e del Tempio Voltiano potranno, se ne avranno bisogno, usufruire dei servizi igienici che fino a ieri erano chiusi.

  1. C'era una volta l'Italia -

    Certo che se per far funzionare Como si devono ogni volta denunciare le magagne con filmati resi poi pubblici, significa che siamo proprio messi male. I vari assessori che ci stanno a fare? Sembra che vivano in un’altra città. “Io non c’ero e se c’ero dormivo”!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *