Reati&Delitti

Ubriaco e violento, ferma il bus e aggredisce i poliziotti: arrestato, condannato e già libero

.

Momenti di paura per i passeggeri di un autobus di linea che transitava in piazza Cavour intorno alle ore 20 di ieri. Poche fermate prima di arrivare in piazza sul mezzo è salito un ventenne di nazionalità nigeriana in evidente stato di ebbrezza. Si è seduto per terra al centro della passatoia e con atteggiamento violento ha iniziato a sferrare pugni contro i sedili. Alla fermata di piazza Cavour molti passeggeri sono scesi, mentre alcuni sono rimasti sul bus forse per paura di doversi avvicinare al giovane ubriaco e violentoper guadagnare la porta d’uscita. L’autista e il controllore hanno fermato una volante della polizia cella Questura di Como. Gli agenti hanno allontanato gli ultimi utenti, una donna con due bambini terrorizzati, e un uomo di colore che stava cercando di calmare il soggetto, senza però riuscirvi.
Rimasti soli con l’uomo i poliziotti hanno cercato di tranquillizzare il giovane che, invece di collaborare, ha iniziato a menare calci e pugni in direzione degli agenti i quali, solo dopo molto tempo, e non poche difficoltà, sono riusciti a condurre l’uomo sull’auto di servizio e successivamente agli uffici della Questura.
Arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni, e denunciato per interruzione di pubblico servizio, il giovane è stato accompagnato presso le camere di sicurezza della Questura ma anche qui ha continuato a dare in escandescenze continuando a inveire contro gli agenti e cercando di autolesionarsi colpendo con il capo i muri della cella. E’ intervenuto il personale del 118 ma il ragazzo ha rifiutato qualsiasi cura. E’ stato processato questa mattina per direttissima ed è stato condannato ad un anno con pena sospesa.

  1. Lukas -

    e certo…. a Como paga solo la gente responsabile che lavora… che se per caso sbaglia, ma ovviamente essendo una fonte di guadagno, trova l’accanimento di tutti (forze dell’ordine in primis, poi magistratura ,etc..) citta di buffoni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *