Reati&Delitti

Spaccio nei giardini “ex zoo”, i vigili arrestano due giovani: liberi dopo un giorno

Due persone arrestate e una persona segnalata per uso di sostanze stupefacenti. E’ il risultato dell’operazione condotta ai giardini dell’ex zoo in via Sant’Elia dagli agenti dell’unità Sicurezza Urbana del Comando della Polizia Locale di Como diretto da Donatello Ghezzo. “Cittadini e commercianti – spiega il commissario Aurelio Giannini – hanno segnalato la presenza di spacciatori e sono stati promossi controlli e appostamenti. Il fermo è avvenuto ieri”. “Ottimo esempio di collaborazione tra i cittadini che hanno segnalato un problema e la Polizia Locale che è riuscita ad intervenire” sottolinea l’assessore alla Sicurezza e alla Polizia Locale Paolo Frisoni.

I fatti in sintesi sono i seguenti: nel primo pomeriggio di ieri gli agenti hanno fermato un ragazzo del Gambia del 1988 che aveva appena venduto una dose di marijuana a un ragazzo italiano. Al momento del fermo delle due persone da parte degli agenti è intervenuto un altro ragazzo del Gambia del 1993 che ha tentato di bloccare l’arresto. I due ragazzi stranieri, entrambi in regola rispetto alla loro presenza sul territorio italiano, sono stati portati al comando. Il ragazzo del 1993 ha continuato ad opporre resistenza e alla fine i due, a seguito della convalida dell’arresto, sono stati portati in Questura. Il processo, per direttissima, si è svolto stamattina in Tribunale a Como. Entrambi hanno patteggiato tre mesi di pena, l’uno per spaccio e l’altro per resistenza a pubblico ufficiale (le lesioni refertate agli agenti hanno comportato 5 giorni e 3 giorni di convalescenza). Non avendo però precedenti penali a carico i due sono stati scarcerati. Per il ragazzo italiano che ha comprato la marijuana è stata fatta la segnalazione in Prefettura per uso di sostanze stupefacenti.

  1. C'era una volta l'Italia -

    Queste risorse boldriniane, se fossimo in uno Stato serio, andrebbero catapultati immediatamente nel loro Paese, altro che scarcerati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *