Sanità&Salute

Dalla protesta contro la Ztl due defibrillatori per il liceo Giovio

La battaglia politica e legale contro la nuova Ztl voluta dalla giunta del sindaco Mario Lucini non si può certo dire che abbia sortito gli effetti sperati da chi l’ha promossa e guidata, Alessandro Rapine (consigliere comunale e ora candidato sindaco alle prossime elezioni). Il comitato formatosi per portare avanti quella lotta – Comitato Como di tutti – ha cercato di portare avanti una battaglia legale per chiedere di annullare i provvedimenti della nuova Ztl di Como. Una battaglia che ha visto vincere lla giunta Lucini. Tuttavia in quell’occasione il comitato aveva raccolto una discreta somma di denaro per pagare le parcelle degli avvocati. Non tutti i soldi sono stati spesi e qualcosa è rimasto sul conto del comitato che ha deciso di interrompere la faticosa e onerosa battaglia legale. Con i pochi soldi rimasti il comitato ha deciso di acquistare due defibrillatori e donarli al liceo scientifico statle Paolo Giovio di Como. La donazione avverrà il prossimo 4 marzo alle ore 10 all’interno della scuola di via Paoli.

 

  1. Luigi -

    La fotografia é sbagliata dato che mostra un defibrillatore manuale, utilizzabile in Italia solo dai medici!

  2. Uscagalambalambadù -

    Brava gente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *