Reati&Delitti

Inesistente bilocale a Como: sito clone di Airbnb truffa 14 comaschi

di

Truffata da un clone del noto sito di booking online – Aribnb – e non è la sola. A Como oltre a quella di Sara, barista 28enne del centro storico (ma residente a Varese) sono già una dozzina le denunce pervenute alla Polizia postale a causa di un finto annuncio riguardo l’affitto di una casa di via Mentana (centro città). A essere finto non è solo l’annuncio ma addirittura l’intero sito in cui era pubblicato. Lo si evince dall’indirizzo del sito che trae in inganno a causa della presenza di “airbnb” nel nome (guarda l’immagine).
Sara credeva di avere trovato la casa ideale: bella e soprattutto economica, visto che costava solo 300 euro al mese, spese incluse. “Certo che mi è sembrato strano, ma lo scambio di messaggi con il presunto titolare dell’annuncio – ha raccontato a Quicomo la vittima della truffa online – mi aveva dato fiducia. Sembrava credibile perché l’affitto di 300 euro era solo per i primi mesi, dopo i quali avremmo stipulato un vero contratto d’affitto”. L’impostore, che sembra abbia usato il nome e cognome di un uomo realmente esistente davvero titolare di un annuncio di una casa in via Mentana, ha detto di essere residente in Belgio e di stare cercando una persona fidata a cui affittare la casa. Dopo vari scambi di messaggi all’interno del sito clone la conversazione si è trasferita sulle mail. La ragazza alla fine si è convinta e ha pagato un primo acconto di 1.200 euro attraverso un sistema online e un secondo della stessa cifra con bonifico.
“Ho fatto il bonifico giovedì della scorsa settimana – ha spiegato Sara – e ci saremmo dovuti incontrare domenica per la consegna delle case. Sabato, però, l’uomo mi ha scritto dicendomi che suo aveva avuto un incidente e che non avrebbe potuto incontrarmi per le chiavi prima di martedì. Ho capito soltando dopo che questa era una scusa per consentire al bonifico di andare a buon fine impedendomi, quindi, di accorgermi della truffa e di bloccarlo. Così martedì non ho trovato nessuno davanti alla casa. Ho chiesto a una persona presente nel palazzo e mi ha detto che quella casa esiste davvero ma che è già occupata e che non sono la sola ad essere già stata truffata. Poi ho saputo che prima di me hanno sporto denuncia già quattordici persone”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *