Politica&Potere

Possibili candidati sindaco del PD, tutti i nomi. Incognita primarie

angelo-orsenigo-20gen16

 

Il comunicato stampa diramato nel tardo pomeriggio di oggi dal segretario provinciale del PD, Angelo Orsenigo, non mette a tacere le tante indiscrezioni e il gossip politico che alimenta il dibattito in vist delle elezioni, ma certo li placa notevolmente. Nella nota stampa Orsenigo ammette ufficialmente di starsi confrontando con una serie di possibili candidati sindaco del Pd di Como, e fa tutti i nomi e cognomi, ma non dice come verrà scelto quello definitivo. Dunque le primarie restano un’incognita.

Sto concludendo in queste ore una serie di confronti con le figure che, con modalità e forme diverse, sono emerse quali possibili leader di una coalizione di centrosinistra in vista delle prossime elezioni amministrative per il Comune di Como.

Visto che non stiamo giocando, faccio nomi e cognomi dei miei interlocutori in questa fase:Giuseppe Battarino, Roberta Marzorati, Alessandro Tarpini, Maurizio Traglio, Bruno Magatti, Marcello Iantorno e Gioacchino Favara.

A fianco di questi nomi ve ne sono molti altri, non meno importanti, pronti ad assumere ruolo di rilievo in questa avventura.

In tutti loro, nessuno escluso, ho trovato le giuste motivazioni necessarie ad affrontare una simile sfida e ognuno di essi, ciascuno a proprio modo, ha in sé doti capaci interpretare il ruolo di una candidatura valida e competitiva.

Desidero ringraziare a titolo personale e a nome del Partito Democratico di Como le persone con cui sto entrando in contatto.

Certo del fatto che nessuna risorsa possa essere trascurata, il mio compito – affidato a me e a me soltanto dai vertici del mio stesso partito – sarà ora indicare quale possa essere la migliore strada che porti alla individuazione del candidato sindaco, senza disperdere il patrimonio umano, professionale e politico che ha arricchito questa fase di esplorazione.

Nei prossimi giorni sarà mia premura addivenire alla soluzione migliore, in linea con quanto scaturirà anche dalla discussione interna al Partito Democratico, forza politica che, lo vorrei sottolineare, ha nella propria stessa natura la capacità di confronto e di sintesi che soltanto i grandi partiti possono permettersi. C’è chi i candidati li sceglie a tavolino e li impone ai propri iscritti e chi, come noi, magari seguendo percorsi più faticosi, preferisce arrivare ad essi soltanto dopo un leale dibattito, aperto a tutte le realtà civiche e partitiche che fanno riferimento all’area del centrosinistra.

Sono certo che questa fatica iniziale andrà a beneficio della scelta finale e, dunque, della città.

Il Segretario Provinciale PD Como

Angelo Orsenigo

  1. Max, il vecchio Max -

    Se le cantano e se le suonano tutte da soli….
    Dopo le figuracce della giunta lucini, non è che un filo di autocritica, anche in un partito di presuntuosi come il pd, potrebbe essere positivo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *