Sport

Derby con Milano: Le pagelle della Pallacanestro Cantù

derby-milano-pagelle-pallacanestro-cantu

Acker 5,5
La panchina di Cantù produce pochissimo e lui con Callahan dovrebbe essere il primo cambio. Dignitoso nel dare ossigeno al play, ma la presenza offensiva è nulla

Parrillo sv
In due minuti non riesce a far vedere nulla.

Laganà 5
Due minuti scarsi anche per lui che però è un pesce fuor d’acqua. Farlo giocare così poco non serve a lui e non serve a Cantù, anche nell’ottica di una sempre più probabile cessione.

Pilepic 6
Ci prova poco aiutato dalla gestione tattica della squadra che a furia di semplificare i giochi sembra essersi dimenticata della sua pericilosità in attacco. Forse è ora di aggiungere qualche opzione che lo chiami in causa meglio.

Calathes 7
Esordio ottimo pur se con qualche comprensibile sbavatura. Rimbalzi e punti e la sensazione che abbia capito al volo la realtà in cui si è immerso.

Callahan 6
Fatica contro l’assetto pesante di Milano e lascia presto spazio sal nuovo arrivato

Kariniauskas 5
Emblematica un’azione in cui ha tutto il tempo di preparare un tiro e scheggia a malapena il ferro. Segnare non è tutto, ma un giocatore ‘battezzabile’ così facilmente ti fa giocare in inferiorità numerica

Darden 6
Il punto fermo della squadra. Inizia lasciando troppo spazio alle scarpette rosse, poi appare più concentrato e mette le sue mani in ogni azione.

Dowdell 5,5
La crisi del terzo quarto nasce soprattutto da una sua flessione. Attacchi incartati e contropiedi avversari, tutto troppo facile per le scarpette rosse che non devono nemmeno spendere falli per difendere al meglio. Avrebbe bisogno di una mano dalla panchina per tirare il fiato più spesso.

Johnson 7
Al solito è lui l’arma più pericolosa di Cantù. Buona l’intesa con Calathes anche se qualche svarione difensivo poteva essere evitato.

Rispondi