Politica&Potere

Rapinese gioca d’anticipo: ecco i primi candidati e qualche punto del programma

di

rapinese-candidati-15dic16Mancano cinque mesi alle elezioni comunali di Como e la politica locale è in fermento, ma mentre nel centrodestra e nel centrosinistra sono in corso confronti e incontri per cercare un nome spendibile per la candidatura a sindaco, c’è una lista civica che ha già le idee ben chiare. Si tratta della lista creata da Alessandro Rapinese, attuale consigliere comunale di opposizione e già candidato sindaco alle scorse amministrative. Rapinese sta dimostrando di avere già la sua lista di 32 candidati. Senza aspettare l’ultimo momento utile ha deciso di presentarli, uno ogni due o tre giorni, attraverso video pubblicati sul web (su youtube e nel suo gruppo Facebook Rapinese Sindaco che conta più di 4mila membri). Che Rapinese voglia di nuovo candidarsi sindaco è cosa nota (questa volta la sua lista si chiamerà Rapinese Sindaco), visto che lui stesso negli ultimi quattro anni mezzo non ha perso occasione di ribadirlo in consiglio comunale durante i suoi interventi. Quello che invece può solleticare la curiosità degli elettori – pro o contro Rapinese – e dei suoi avversari politici – sono i nomi dei candidati. Per ora ufficialmente ne sono stati presentati quattro. Si tratta di Maurizio Ciabattoni, Fulvio Anzaldo, Paola Re e Moria Bigoni. Ciabattoni è un architetto socio di un’azienda che si occupa di architettura, verde e siti internet: ha detto di volere contribuire a trovare soluzioni per le problematiche legate alla viabilità. Anzaldo è un avvocato (ha difeso Rapinese nella causa per diffamazione promossa dall’ex capo di gabinetto Tullio Saccenti) e ha affermato di volere dare il proprio contributo in ambito di legalità, per esempio per quanto riguarda gli appalti pubblici. Paola Re è la responsabile del coordinamento organizzativo di Miniartextile: l’ambito a cui si sente di dare il proprio contributo come consigliera comunale è quello culturale. Infine, per il momento, c’è Moira Bigoni, residente delle case comunali di via Spartaco: promette di vigilare sull’operato di Rapinese affinché vengano date risposte concrete alle problematiche e alle esigenze degli inquilini delle case comunali di Como. Tutti e quattro i candidati, ovviamente, non hanno risparmiato critiche e accuse all’attuale amministrazione del sindaco Mario Lucini.

  1. antonio -

    Alessandro Rapinese sarebbe una felice e azzeccata scelta quale sindaco di Como; per la grinta e per le idee chiare e concrete che ha sempre dimostrato nel voler risolvere gli annosi e incancreniti problemi di Como, merita di essere messo alla prova dei fatti.

  2. El sisi -

    Caro Rapinese , Ti consiglio di non fare un altra avventura di candidarti Sindaco , per che sei bravo , di essere contro tutti !!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *