Politica&Potere

Cernobbio, primo passo verso la fusione con Moltrasio e Carate Urio. Tre ipotesi per il nuovo nome

di

cernobbio-14dic16E’ stato il consiglio comunale di Cernobbio ad approvare per primo la proposta di fusione dei tre Comuni rivieraschi: Cernobbio, Moltrasio e Carate Urio. Martedì sera l’aula ha approvato con la quasi unanimità la delibera con la quale si chiede alla giunta regionale di avviare la procedura di fusione. Il progetto di fusione – lanciato nel 2014 dal sindaco di Cernobbio Polo Furgoni – ha trovato la condivisione anche di due dei tre consiglieri di minoranza, in particolare di Matteo Monti, residente a Carate Urio ma entusiasta sostenitore dell’accorpamento dei tre paesi.
La stessa delibera dovrà ora essere approvata anche dagli altri due consigli comunali anche se l’esito è praticamente scontato perché, come sempre accade coi progetti di fusione, le amministrazioni interessate hanno preventivamente dialogato tra di loro e condiviso il progetto. Va ricordato che in un primo momento il sindaco di Cernobbio aveva auspicato la fusione anche con Laglio, Maslianico e Brienno. Laglio da subito si sfilò dal progetto. Seguirono Brienno – un po’ a malincuore a causa del venir meno della continuità territoriale con Carate Urio – e Maslianico.
Nella delibera approvata in consiglio comunale a Cernobbio (e che entro la fine di quest’anno dovrà essere votata anche dalle aule di Moltrasio e Carate) vengono menzionati le tre ipotetiche alternative per il nome del nuovo maxi Comune rivierasco:
1) Cernobbio e Riva Romantica
2) Cernobbio e Riva di Ponente
3) Cernobbio e Riviera delle Cave

In tutti e tre i casi il brand di Cernobbio è elemento giudicato imprescindibile per assicurare prestigio e riconoscibilità al nuovo paese nato dall’accorpamento. Nel primo caso Riva Romantica identificherebbe proprio quel tratto di riva che si estende tra Moltrasio e Carate Urio mentre nel terzo caso si darebbe omaggio a un altro elemento storico del territorio, quello costituito dalle cave dalle quali in passato si estraeva la famosa pietra denominata e conosciuta come “sasso di Moltrasio”.
Ad ogni modo ad avere l’ultima parola saranno i cittadini residenti nei tre Comune i quali saranno chiamati entro la fine del 2017 a pronunciarsi con un referendum sia sull’idea di fusione sia sull’eventuale nuovo nome.

  1. l'armando -

    Ottimo inizio. Per dare un nome alla fusione, vale la pena individuare il nome che più rappresenterà la riviera.
    Beh, i “brand” Cernobbio e Moltrasio sono noti occorre non perderli…i cittadini dovranno pensare.

Rispondi