Arte&Eventi

Noir in Festival, what else? Anteprima con Saviano al Teatro Sociale il 7 dicembre

di
noir

Presentato oggi a Palazzo Cernezzi, alla presenza del sindaco Mario Lucini e dell’assessore alla Cultura Luigi Cavadini, entrambi evidentemente soddisfatti del nuovo approdo in città, l’attesa rassegna di cinema e letteratura giunta alla sua 26^ edizione con un cambio di location. Ha lo sguardo duplice e selvaggio la pantera nera che da quest’anno diventa il simbolo del nuovo Noir In Festival in programma da giovedì 8 a mercoledì 14 dicembre prima a Como e poi a Milano, con un’anteprima d’eccezione per la consegna del Raymond Chandler Award a Roberto Saviano il 7 dicembre al Teatro Sociale di Como (prenotazione obbligatorio con mail entro il 4 dicembre a reseservation@noirinfest.com) e una chiusura a sorpresa giovedì 15 all’auditorium di IULM con la finale del game Fight Cult dedicato al film noir italiano degli anni 2000.

In quegli occhi, indiretto omaggio a Cat People di David Bowie (ma anche di Paul Schrader e Jacques Tourneur) c’è il caleidoscopio delle sfumature in cui si rispecchia il nuovo profilo del festival, attento a tutte le contaminazioni e le mutazioni del genere tra cinema, letteratura, televisione e graphic novel, storia e cronaca. Personaggio emblematico di questa evoluzione è sicuramente Tim Burton, il più imprevedibile e geniale tra i maestri che attraversano il genere come una “favola nera” in cui si specchiano sogni e incubi dello spettatore contemporaneo. A lui il festival rende omaggio quest’anno con una serata speciale nel segno di Miss Peregrine.

Voluto dall’Associazione Amici di Como, che dalle nevi di Courmayeur lo ha accompagnato sulle rive del lago, dove 90 anni fa debuttava Alfred Hitchcock e poi ridisegnato a Milano grazie all’impegno di IULM, il Noir in Festival vive una nuova vita dopo aver festeggiato lo scorso anno i suoi primi 25 anni di successo. Otto i film in concorso quest’anno, cui si aggiungono tre eventi fuori concorso, due cortometraggi d’autore, tre programmi retrospettivi (in collaborazione con la Cineteca Italiana) e un’iniziativa speciale ideata con Istituto Luce – Cinecittà dedicata alla cronaca nera in Lombardia e completata dalla presentazione del nuovo lavoro di Gianfranco Giagni, Le scandalose.

strukul

Quindici gli scrittori protagonisti delle conversazioni quotidiane in programma a Como e a Milano con molti dei protagonisti della scena editoriale del momento, cui si aggiungono una mattinata dedicata ai giornalisti-scrittori tra cronaca e romanzo e gli incontri con i  finalisti del Premio Giorgio Scerbanenco che dal 2016 giunge a Milano, nella patria adottiva del fondatore del noir italiano. Le atmosfere del film noir classico si rispecchiano poi nelle sei immagini della mostra Acque scure (IULM – The Bridge) realizzata dall’artista milanese Pietro Finelli su cui esce in questi giorni il libro-catalogo “Infinite Drawings” (Mimesis Editore). A Como per la sezione letteratura ci saranno tra gli altri Ganrico Carofiglio con L’estate freddaMatteo Strukul (nella foto sopra) con il bestseller I Medici, il nostro Andrea Vitali con il nuovo romanzo Viva più che maiDonato Carrisi con Il Maestro delle ombre 

Otto i film italiani degli anni 2000 per i quali (o contro cui) si batteranno le otto squadre di Fight Cult, il contest ideato da IULM per i giovani spettatori del nuovo millennio. Quattro i luoghi del Festival: a Como lo splendido Teatro Sociale; a Milano lo IULM 6, lo Spazio Anteo e lo Spazio Oberdan della Cineteca Italiana.

bloodfather_clip_motorcyclechase

Tra i film più attesi spiccano la seconda prova da regista di Claudio Amendola, Il permesso. 48 ore fuori con Luca Argentero, il thriller di Johnnie To Three, il Mel Gibson vendicatore solitario di Blood Father, i nuovissimi Iris di Jalil Lespert con Romain Duris e Charlotte Le Bon e Wulu , versione africana e nerissima di Scarface. Ma altrettanta attesa c’è per l’anteprima di tre serie-evento di Sky Atlantic come Quarry (dai romanzi di Max Allan Collins, ormai fenomeno di culto oltre oceano), The Fall con The Fall con Gillian Anderson, (giunta alla terza stagione) e il francese Le Bureau des Légendes, di Eric Rochant con Mathieu Kassovitz e dal “faction” The Killing Season proposto da Crime+Investigation e ideato da Alex Gibney. E l’ultimo film del festival, un’anteprima mondiale assoluta, sarà il degno sigillo della prima edizione della nuova era.

Alla pantera è ispirato infine il nuovissimo premio per il cinema, il Noir Award, creato per l’occasione da Jakub e Krzysztof Bednarski le cui opere saranno esposte dal 7 dicembre al Museo MAXXI di Roma nella mostra “L’arte differente: Museum of Contemporary Art Krakow”.

Tutti i film e le presentazioni sonio a ingresso gratuito con prenotazione.

Maggiori informazioni sul sito ufficiale della rassegna: http://www.noirfest.com/

Rispondi